menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dino Marino

Dino Marino

Marino accusa Emiliano: "La riforma ospedaliera è un pasticcio in salsa barese"

Le disposizioni di questo piano mortificano tutta la Capitanata: "da Lesina per trovare la rianimazione bisognerà fare 50 km, da Cerignola 35 km, e circa 640.000 abitanti non avranno una cardiochirurgia, neppure nel policlinico universitario"

"Peggio di Attila, dove passa lui non cresce più il diritto alla salute". Così Dino Marino, esponente Pd, area "Azione Pd" in merito alla riforma ospedaliera varata dalla Giunta Emiliano. "Come era prevedibile, l'ospedale di Lucera, già accorpato, che rimanesse aperto forse era solo una promessa da marinaio che il Governatore ha fatto a Tutolo”.

“Inoltre, ha stravolto tutta la programmazione fatta in questi anni, declassando i due ospedali di riferimento a Nord e a Sud della provincia". Per Marino: "Un vero pasticcio in salsa barese. Ben altra musica rispetto al governo Vendola.  I nosocomi di San Severo e Cerignola pur in presenza dei tagli di posti letto, nel  piano di riordino varato da Vendola, furono potenziati e definiti di primo livello".

ECCO IL PIANO DI RIORDINO OSPEDALIERO

E qui, sul caso San Severo, Marino apre una parentesi: "ricordo che, varando l'ultimo piano di riordino ospedaliero, mentre tagliavamo circa 2000 posti letto in tutti  gli ospedali della Puglia nel nosocomio di San Severo, anche grazie al sottoscritto in qualità di presidente della Commissione Sanità, i posti letto aumentarono di 16 unità. Non solo, portammo a San Severo i servizi di "emodinamica", "urologia" "risonanza magnetica a 64 slides".

IL DECLASSAMENTO CHE SCUOTE LA POLITICA

"Ecco un esempio concreto di fare politica per il proprio territorio. In Regione San Severo contava. Oggi, invece, questi sono i risultati della "coppia di fatto" Miglio-Damone che hanno svenduto San Severo ad Emiliano".  Tornando all'attuale riforma: "Le disposizioni di questo piano mortificano tutta la Capitanata: nella seconda provincia più grande del Paese, da Lesina per trovare un servizio di rianimazione bisognerà fare 50 km, da Cerignola 35 km,  e circa 640.000 abitanti non avranno a disposizione cardiochirurgia, non prevista neppure nel policlinico universitario”.

“Mentre nella Bat, in  un fazzoletto di terra di 20km quadri, ci sono quattro ospedali, dei quali 3 di primo livello e 1 di base. Caro Emiliano raccontala a Miglio e Damone, ma non ai cittadini della nostra provincia che ti aspettano con ansia per mostrarti il loro grado di apprezzamento della tua riforma. Basta con le bugie e con i pressapochismi, in questo modo stai mettendo in ginocchio non solo il livello ospedaliero, ma anche quello dell'emergenza. Neanche Raffaele Fitto era arrivato a tanto: e ciò è vergognoso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento