menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefano Pecorella

Stefano Pecorella

Stefano Pecorella si è dimesso da assessore provinciale all'Ambiente

Il commissario del Parco Nazionale del Gargano ha protocollato le dimissioni irrevocabili questa mattina."Ringrazio L'On.Pepe". "Non ho risparmiato idee, energie e risorse"

L’Avv. Stefano Pecorella ha protocollato presso l’Ente Provincia la lettera di dimissioni dall’incarico di assessore all’Ambi ente   E’ stata un’esperienza molto significativa che mi ha fatto crescere sia a livello professionale che umano – dichiara Pecorella -.

"Pertanto, mi preme ringraziare a livello personale sia l’On. Pepe, i colleghi di giunta, i dipendenti ed i collaboratori dell’Ente, in particolar modo quelli dell’assessorato all’Ambiente che, con tanta professionalità e spiccato spirito di cooperazione, mi hanno messo nelle condizioni di operare al meglio nell’interesse di tutto il territorio di Capitanata, per  il  qual e  non ho mai risparmiato idee ,  energie  e risorse  al fine di garantire le migliori soluzioni ed opportunità ”.

La decisione dell’Avv. Pecor ella è stata a lungo ponderata : “Stamattina ho rimesso irrevocabilmente e con effetto immediato il mio mandato di assessore all’Ambiente nelle mani del Presidente della Provincia di Foggia. L’ho fatto principalmente per non creare possibili inefficienze nella gestione sia dell’assessorato che della Presidenza del Parco del Gargano.

Avevo dato la mia parola che avrei preso tale decisione ed ho mantenuto l’impegno. La nostra terra ha bisogno di politici ed amministratori che rispettino gli impegni assunti con il loro agire quotidiano. Mi auguro che finiscano i tempi delle promesse elettorali e dei giochi stucchevoli di rimpallo delle responsabilità politiche dei partiti e delle istituzioni. La crisi che stiamo attraversando non è solo economica o finanziaria; è soprattutto una crisi di valori e di identità. E' indispensabile che ognuno di noi riprenda le fila di un sentimento comune quale l’affetto per il nostro territorio, il rispetto della sua storia, per onorare il ricordo dei padri che su di essa hanno costruito il nostro futuro. Il nostro paese sta mutando identità ed il rischio è che valori comuni e condivisi perdano peso e spazio. Atteggiamenti, modi di fare e mentalità modellano l'immagine di un territorio in maniera distorta, creando aspettative per la costruzione di un futuro irrealizzabile.” -

Continua Pecorella -  “I giochi al ribasso della politica devono cessare e l’esigenza di un serio, non solo anagrafico, anche se auspicabile, rinnovamento della classe dirigente deve costituire senza alcuna esitazione il tavolo attorno al quale sedere tutti senza primogeniture, con il concreto rispetto di quella pari dignità delle posizioni, sempre sbandierata e mai attuata. Non mi dimetto perché non sarei capace di assolvere al doppio incarico, voglio evitare che posizioni note ed irresponsabili, alimentando contro di me polemiche strumentali, di fatto colpiscano senza rendersene conto l’immagine delle istituzioni, quella della Provincia e quella del Parco del Gargano. Non è in discussione la mia professionalità, i risultati parlano per essa, ma la difesa del rapporto tra gli enti citati ed il territorio che governano e gli interessi delle comunità social i ed economiche che lo popolano ”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento