San Marco in Lamis, si è dimesso il sindaco Michelangelo Lombardi

Durante il consiglio monotematico sulla chiusura dell'Ospedale Umberto I, a un giorno dall'ufficializzazione della sua ricandidatura a sindaco, il primo cittadino ha rassegnato le dimissioni. Martedì partiranno dei pullman per Bari

Dopo una giornata difficile e un Consiglio Comunale caratterizzato dai toni accesi e dalla querelle tra maggioranza e opposizione,  alle 19.15 Michelangelo Lombardi si è dimesso dalla carica di primo cittadino.

In una sala consiliare gremita e a un solo giorno dall'ufficializzazione della ricandidatura alla carica di sindaco, Lombardi si è difeso dalle accuse invitando i presenti a combattere all'unisono per le sorti del nosocomio, mettendo da parte le questioni politiche e personali.

Alla fine del suo intervento è scattato comunque l'appaluso dei presenti, ma due minuti dopo il sindaco ha sorpreso tutti e ha comunicato la decisione di rassegnare le dimissioni.  Dai banchi dell'aula consiliare  c'è stata anche la proposta di dimissioni dell'intero consiglio, comunque rigettata.

Martedì l'esponente del Pd, i consiglieri, gli assessori, gli operatori sanitari e i cittadini sammarchesi saranno a Bari in segno di protesta. Da San Marco in Lamis partirà un pullman direzione via Capruzzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento