Emorragia in Forza Italia, il sindaco di Apricena e la sua squadra abbandonano il partito

Decisione maturata dopo una riunione del direttivo, che precisa: “Rimaniamo moderati, lavoriamo per il bene e lo sviluppo della nostra terra”

Antonio Potenza

Dopo Paolo Mongiello, anche il sindaco di Apricena ed ex consigliere provinciale, Antonio Potenza, l’assessore Carla Antonacci, il presidente del Consiglio comunale, Vincenzo Ferullo, e il consigliere comunale Giuseppe Specchiulli, si dimettono da Forza Italia.

LA LETTERA DI DIMISSIONI. “Dopo anni di militanza, dopo aver dato tanto e portato il partito, con l’aiuto di tanti amici, a livelli che mai prima aveva raggiunto nel nostro territorio, Antonio Potenza, Sindaco di Apricena, gli Amministratori eletti in Forza Italia e il direttivo locale lasciano il partito. Una scelta arrivata al termine di una profonda riflessione, maturata nel corso dell’ultima riunione con il direttivo avvenuta pochi giorni fa.

È una decisione molto sofferta, non semplice da prendere per chi, come noi, si riconosce nei valori dei Moderati. Quei principi su cui si fonda ancora oggi la leadership di Silvio Berlusconi, grazie al cui carisma ci siamo avvicinati alla politica. Ma che purtroppo non ha trovato sponda nella gestione a livello locale del partito, sia per quanto riguarda la Segreteria Provinciale che per quella Regionale. Attorno alla quale ruotano ancora oggi persone che hanno avuto tanto dal partito, senza mai contraccambiare.

In questi anni, ad Apricena, abbiamo portato Forza Italia e il Popolo dei Moderati a percentuali che non aveva mai riscontrato nella storia Repubblicana. Una battaglia politica combattuta sempre in prima linea e in mezzo alla gente, che ci ha premiati con un consenso sempre crescente. Nel 2008 Antonio Potenza è stato eletto Consigliere Provinciale, tra i più giovani in Italia a soli ventisei anni. Con il nostro territorio abbiamo contribuito in maniera significativa all’affermazione del centrodestra a Palazzo Dogana.

Ma il vero miracolo politico è stata la vittoria, nel 2012, alle elezioni amministrative di Apricena, che ha buttato giù un sistema di potere esistente da oltre mezzo secolo. Una affermazione storica, seguita, dopo 13 mesi, dalla caduta dell’Amministrazione, per motivi che esulano dalla politica. Momenti in cui non abbiamo mai sentito la vicinanza dei vertici provinciali e regionali di Forza Italia. Persone che hanno sempre inteso i simpatizzanti Forzisti di Apricena utili solo a “riempire gli autobus” per partecipare alle convention in tutta Italia.

Nel maggio scorso, senza il supporto del partito, ci siamo rialzati ed insieme ad Antonio Potenza abbiamo ricostruito e abbiamo ottenuto una nuova storica affermazione alle amministrative di Apricena. E oggi, come sempre, continuiamo a stare in mezzo alla gente e a lavorare per i Cittadini. Con le ultime elezioni provinciali qualcosa è venuto meno. Avevamo chiesto che il partito desse un segnale di rinnovamento e che le decisioni venissero condivise e non calate dall’alto. Questo non è avvenuto. Anzi, qualcuno ha giocato in maniera scorretta, facendo credere di voler intraprendere percorsi diversi, quando invece i giochi per le candidature erano già stati fatti, con una logica di spartizione che guarda solo agli interessi personali.

Dopo l’esito delle urne abbiamo chiesto la convocazione dei vertici statutari di Forza Italia. Ma a distanza di più di un mese nulla si è mosso. Dalla segreteria provinciale e regionale solo silenzio, alternato a minacce di epurazione. E intanto continua l’emorragia di consensi di Forza Italia, certificata anche dagli ultimi esiti elettorali.

Alla luce di questo abbiamo compreso che era inutile proseguire un percorso che non guarda al territorio, come noi, da buoni amministratori, vogliamo fare. Pertanto chiediamo al nostro elettorato di restare tranquillo. Rimaniamo moderati, lavoriamo per il bene e lo sviluppo della nostra terra. E valuteremo con calma quali saranno gli scenari futuri, alla luce di un quadro politico caotico anche a livello nazionale. Restando sempre al vostro fianco".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

  • Attimi di terrore sulla A16: conflitto a fuoco tra polizia e ladri all'altezza di Candela

  • Coronavirus, l'infezione circola in 53 comuni foggiani: salgono a otto le 'zone rosse'. Covid-free nove comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento