Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Landella sconcertato dalla "virata a 360°" di Iaccarino ma molto più dallo "stratagemma" del PD

Il primo cittadino ha spiegato "la retromarcia" di Iaccarino, ma ha accusato il PD di non aver presentato ancora alcuna mozione di sfiducia e di non voler partecipare alla riunione sul caso convocata questo pomeriggio dal sindaco

 

Conferenza stampa lampo di Franco Landella, peraltro in concomitanza con il messaggio video di Iaccarino, durante la quale il sindaco ha chiarito il mistero delle dimissioni dalla carica di presidente del Consiglio comunale, annunciate via pec ma mai presentate, e di fatto ritirate. "Oggi ce le aspettavamo ma purtroppo è arrivata una virata a 360° il commento del primo cittadino, al quale però sembra abbia dato molto più fastidio la decisione del Pd di non partecipare all'incontro tra maggioranza e opposizione.

Il sindaco ha infatti dedicato gran parte della conferenza per controbattere al PD, accusando il partito di non aver presentato ancora alcuna mozione di sfiducia nei confronti di Leonardo Iaccarino e di non voler partecipare alla riunione sul caso perché - sempre secondo Landella - "è imbarazzata da chi ha sostenuto il centrosinistra un candidato come Rosario Cusmai".

Il riferimento è al sostegno di Leonardo Iaccarino alle scorse elezioni regionali al "cugino" Cusmai, candidato nelle liste di 'Italia in Comune' a sostegno del centrosinistra di Michele Emiliano. "E' una brutta pagina di un'opposizione che si nasconde e non si assume le responsabilità" chiosa il sindaco.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento