Celenza Valfortore, la maggioranza non ha più i numeri e la minoranza si è dimessa: l’amministrazione Iamele va a casa

Lunedì scorso, gli eletti di minoranza in Consiglio comunale hanno protocollato, in blocco, le dimissioni. Il capogruppo Massimo Venditti: "Iamele non ha più la maggioranza per andare proseguire con il mandato"

Immagine di repertorio

A Celenza Valfortore, la maggioranza non ha più i numeri e la minoranza si è dimessa: in breve, l’amministrazione Iamele va a casa.

Lunedì scorso, gli eletti di minoranza in Consiglio comunale hanno protocollato, in blocco, le loro dimissioni. “L’amministrazione Iamele va a casa. Un bel regalo di Natale per tutti noi” dice Massimo Venditti capogruppo di minoranza. Negli ultimi tre anni hanno alzato bandiera bianca 4 eletti di maggioranza, 3 dell'opposizione e un consigliere è decaduto. I numeri raccontano chiaramente la situazione: Iamele non ha più la maggioranza per andare proseguire con il mandato".

“Più volte ho chiesto al primo cittadino di prendere atto del fallimento politico e di farsi da parte. In un ultimo, disperato tentativo, ho offerto collaborazione per organizzare uno screening Covid della popolazione La risposta? Volgare e arrogante, come sempre”. Questo il commento del consigliere di minoranza che continua “Si è forzata la mano in più di una occasione, fino ad approvare il rendiconto di gestione e il bilancio di previsione senza avere il numero legale, calpestando il regolamento comunale e nonostante il parere negativo del segretario comunale".

"Pur senza avere i numeri hanno approvato atti amministrativi con l'unico obiettivo di sopravvivere, di restare aggrappati alla poltrona. Sul piano amministrativo abbiamo perso tre anni, sul piano personale abbiamo imparato una dura lezione. Dalla qualità degli eletti, dalle nostre scelte alle elezioni dipende la qualità dell’amministrazione. I cittadini di Celenza Valfortore non lo dimenticheranno alla prossima tornata elettorale” conclude Venditti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Orrore nelle campagne di Cagnano, lupo trovato impiccato a un albero

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento