Losappio: “Tremonti paga la crisi dei rifiuti di Palermo. E Foggia?”

Gruppo Sel: “Ci chiediamo allora perché altrettanto non si possa fare per Foggia che ne avrebbe urgente necessità. Forse perché è amministrata dal centrosinistra?”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Dichiarazione del Presidente del gruppo consiliare Sel, Michele Losappio.

Nel decreto economico sui cui Berlusconi ha già dichiarato di porre il voto di fiducia altri 45 milioni di euro di fondi FAS vengono tolti alla gestione delle Regioni del Sud e utilizzati per le iniziative politiche del Pdl. Per consentire a questo partito di arrivare alle vicine elezioni comunali in migliori condizioni dopo le ultime ‘scoppole’ referendarie ed amministrative, Tremonti ha deciso di pagare la crisi dei rifiuti di Palermo che costa 45 mln.

E’ appena il caso di ricordare che altrettanto è stato fatto e sempre per l’interesse elettorale del Pdl con Catania e Roma, oltre con le arcinote quote-latte dei padani. Ci chiediamo allora perché altrettanto non si possa fare per Foggia che ne avrebbe urgente necessità. Forse perché è amministrata dal centrosinistra? E perché Tremonti non restituisce alla Puglia i 5 mln di euro da noi anticipati per i rifiuti salentini e garantiti da Bertolaso?

E perché non vengono indennizzati i comuni ionici che hanno visto arrivare fuori dagli accordi 60.000 ton di rifiuti campani e verso i quali c’è un impegno altrettanto solenne del Governo? E perché Palese, i consiglieri del Pdl, i parlamentari e il Ministro fingono di essere residenti in Val Brembana e si disimpegnano dagli interessi della loro Regione?”.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento