D’Emilio “Piazze e parchi ridotti a discariche, urge task-force anti degrado”

“Ci appare urgente quanto necessario che vengano incrementati i controlli sulla movida notturna nei parchi e giardini della città, predisponendo una task-force anti degrado della polizia municipale”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

CICCIO D'EMILIO - "Con il ritorno della primavera, per molti foggiani amanti della movida notturna, torna anche la moda di aggregarsi fino a tarda sera nei pressi di pub, bar e locali analoghi situati in alcuni parchi e piazzali cittadini come, ad esempio, piazza Padre Pio, Piazza Libertà e i parchi di via Manerba e via Calvanese, consumando per strada alcolici e bevande d’ogni tipo: una prassi del tutto incontrollata che, oltre a provocare l’intasamento del traffico a causa delle autovetture degli avventori parcheggiate in modo barbaro in mezzo alle strade (in alcuni casi ridotte a senso alternato di marcia o addirittura bloccate), determina un intollerabile aumento dell’inquinamento e del degrado delle aree verdi interessate, oltre al comprensibile malcontento degli abitanti degli stabili nelle zone interessate".

Con un comunicato diramato agli organi di stampa Ciccio D’Emilio (PDL) denuncia il deterioramento ambientale di alcune zone verdi della città ridotte a discariche non soltanto a causa della mancanza di pulizia (cooperative del verde senza lavoro da mesi ndr) ma anche per l’inciviltà degli avventori notturni dei locali limitrofi che dopo aver mangiato e bevuto gettano per terra cartacce e bottiglie di vetro vuote.

“Una situazione intollerabile” continua D’Emilio “resa possibile dal lassismo dell’amministrazione Mongelli, inerme di fronte alla mancanza di senso civico di frange della comunità ed incapace di tutelare e garantire il decoro nelle vie della città.

Un’assenza dell’istituzione che abilità i soliti scriteriati che affollano nelle ore notturne i giardini della nostra città a servirsene come bidoni o discariche in cui gettare gli avanzi della pizza o della birra appena consumata. L’indiscutibile e sacrosanto diritto di giovani e meno giovani all’aggregazione dev’essere affiancato dal dovere civico di rispettare l’igiene e il decoro delle strade e dei parchi in cui si sosta e se ciò non accade è compito degli organi preposti al controllo intervenire nelle modalità previste per invertire la rotta e garantire un minimo di decenza in quelle poche oasi verdi della città.

Ma se i parchi sono ormai ridotti a tappeti di vuoti di vetro, parte della responsabilità va imputata ai titolari dei bar all’aperto che oltre a porgere direttamente le bottiglie anziché versarne il contenuto in bicchieri di plastica, vendono alcolici anche ai minori, alimentandone l’abuso.

Ecco perché ci appare urgente quanto necessario” conclude D’Emilio “che vengano incrementati i controlli sulla movida notturna nei parchi e giardini della città, predisponendo una task-force anti degrado della polizia municipale”.
 



 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento