Damone: “Vendola sconfessa Onofrio Introna”

Gli ordini del giorno della F.P. di Lesina Marina e del ‘Don Uva’ votati all’unanimità ignorati dal presidente”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Il Presidente del Gruppo consiliare del La Puglia Prima di Tutto, Francesco Damone, ha diffuso la seguente dichiarazione:

La mania dell’apparire sempre sulla scena nazionale del sig. Vendola lo porta costantemente ad ignorare i problemi veri e drammatici dei pugliesi e addirittura a mortificare la figura del Presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna. Infatti, nei mesi scorsi il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità gli orini del giorno relativi alla F.P., alle situazioni idrogeologiche di Lesina Marina, nonché lo stato di drammaticità dell’Istituto ‘Don Uva’ di Bisceglie e Foggia.

Oggi Vendola vola in America ma i cassintegrati della Formazione Professionale, dopo il 30 giugno prossimo saranno a rischio licenziamento, situazione acclarata dal fatto che, un Ente storico come l’ENAIP, letteralmente sommerso da una montagna di debiti accumulati nel tempo, sicuramente concorrerà ad implementare la platea dei disoccupati.

A Lesina Marina che oggi registra il dramma dei proprietari di casa urge il confronto tecnico tra l’Autorità di bacino e i tecnici dei proprietari, in quanto valgono le ordinanze di sgombero che il Commissario è tenuto a rendere esecutive perché ad oggi, l’incontro auspicato ed approvato dal Consiglio con delega all’Assessore Amati, non è stato nemmeno calendarizzato.

La situazione drammatica del ‘Don Uva’, più volte denunciata, oggi ha fatto registrare la reazione dei lavoratori, incatenati unitamente ai rappresentanti sindacali. Purtroppo, la rabbia che assale i rappresentanti del menefreghismo di Vendola costituisce la riprova dell’incapacità gestionale di un Presidente indubbiamente bravo come predicatore, ma completamente inadeguato a risolvere i problemi veri legati alla precarietà dei lavoratori pugliesi.

E, mentre la Puglia e i pugliesi piangono, le tasse aumentano, gli indigenti pagano i tickets, la disoccupazione giovanile e femminile aumenta, uno spazio magico per la clientela è sempre florido a mezzo di assunzioni per il tramite di Innovapuglia, e progetti a volte anche senza regole, ma rigorosamente indirizzati a supporters tenuti a magnificare il capo Vendola, con l’esclusivo impegno a sostenere il suo Partito creato appositamente per compete alla elezione di Presidente del Consiglio .

La crisi politica ed occupazionale della Puglia per le finanze dilapidate irrazionalmente e comunque mirate esclusivamente ad esaltare l’immagine del Presidente Vendola con spregiudicato cinismo, insegue il suo obiettivo finale dimentico di tutto e di tutti perché si sente Uomo segnato dal destino, perché solo e solamente lui può governare l’Italia. Le parole, i sogni, i ripetuti luoghi comuni di questo predicatore, erudito e demagogo affascinano gli italiani ma causeranno la morte politica dell’Italia. Auguri Vendoliani d’Italia

 

Torna su
FoggiaToday è in caricamento