Martedì, 23 Luglio 2024
Politica Manfredonia

Rotice alle prese con una nuova crisi: salta un altro assessore e Forza Italia chiede la verifica

Si dimette Libero Palumbo. Un protocollo di intesa con il Consorzio Asi di Foggia turba la maggioranza

Nuova grana per il sindaco di Manfredonia Gianni Rotice. Si materializza un’altra crisi politica da affrontare. Forza Italia chiede con “somma urgenza” la verifica dopo le dimissioni dell’assessore al Personale Libero Palumbo, protocollate ieri mattina. L’ultimatum scade martedì prossimo.

Palumbo ha aspettato che passasse il clou della festa patronale per comunicare la sua decisione. È stato il suo gruppo di appartenenza, ‘Città Protagonista’, a rendere note le motivazioni del disimpegno. Contestualmente, ha ritirato il suo sostegno.

“L’approvazione in Giunta di un protocollo di intesa con il Consorzio Asi di Foggia che prevede iniziative imprenditoriali nel settore agro-alimentare, sul territorio di Borgo Mezzanone, senza alcuna condivisa e approfondita analisi delle conseguenze di natura non solo economica, ma anche sociale per la nostra Comunità, nonostante una richiesta di approfondimento nella Coalizione di maggioranza e l’astensione di tre assessori tra cui Libero Palumbo, che  di conseguenza si è dimesso dall’incarico di assessore agli Affari generali e Personale, non può passare inosservata, e costringe, oggi, Città Protagonista, ad interrompere la collaborazione con questa amministrazione, convinti, da parte nostra, di aver agito sempre con lealtà e coerenza”, scrivono dal movimento.

Dall’inizio dell’anno erano già saltati Angelo Salvemini, revocato dopo l’affaire illuminazione, e Lucia Trigiani, che aveva rimesso l’incarico dopo il caso della villetta abusiva salito agli onori delle cronache nazionali.

Dopo la terza defezione, i consiglieri comunali di Forza Italia Vincenzo Di Staso, Angelica Ciuffreda, Marco Di Bari, Liliana Rinaldi invocano un tavolo urgente di verifica politica e amministrativa e tutte le forze di maggioranza, “le stesse presenti nell'accordo politico alla base di questa Amministrazione, affinché si possa fare chiarezza sulla persistenza delle condizioni per continuare ad amministrare Manfredonia insieme, con la coerenza che ha sempre contraddistinto la nostra azione politica, mettendo al primo posto solo il bene per la nostra città, e non l'attaccamento alle poltrone”.

Gli azzurri nutrono perplessità sull’efficacia e l’efficienza dell’azione amministrativa su alcuni temi, a partire dall’utilizzo dei fondi Pnrr che desta nel gruppo “non poche preoccupazioni”, le stesse che genera anche in Forza Italia quel protocollo d’intesa con il Consorzio Asi, che ha visto l'astensione dei due assessori Basta e Vitulano, espressione di Forza Italia in Giunta, “in virtù di un insufficiente percorso di condivisione politica del tema in questione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rotice alle prese con una nuova crisi: salta un altro assessore e Forza Italia chiede la verifica
FoggiaToday è in caricamento