Crisi politica a San Giovanni Rotondo: Udc pronto ad appoggiare Pompilio

Duro il commento dell'esponente dell'MPS Pio Cisternino. Questa mattina il sindaco ha avviato nuovamente le consultazioni con le forze politiche presenti in consiglio comunale

Luigi Pompilio

A San Giovanni Rotondo sono cominciate questa mattina le consultazioni politiche del sindaco Luigi Pompilio in merito alla crisi scoppiata nella maggioranza all'indomani del consiglio comunale del 28 settembre sul riequilibrio di bilancio

L’assenza di  Antonio Longo, Salvatore Gaggiano, Salvatore Palladino e Antonio Pio Cappucci è un forte segnale politico contro l’amministrazione e segna una brusca frenata del ‘Progetto per la Città’. Il difficile momento economico che vive l’Amministrazione della nostra città   (1.083.000 euro in meno di trasferimenti statali, incertezza delle entrate IMU, il debito fuori bilancio per risarcimento danni da espropriazione agli eredi Bramante, la situazione Gema che non ha versato i tributi comunali per oltre 2 milioni di euro, far decollare i lavori per la fogna bianca, ecc.), impone alla maggioranza una ipotesi di condivisione di un nuovo progetto politico che coinvolga e allarghi la responsabilità amministrativa della città” afferma Pompilio.

La città di San Pio rischia seriamente di essere commissariata e di dover fare nuovamente ricorso alle urne anticipate: “Importanti provvedimenti di quadratura economica non solo sono necessari, ma indispensabili per evitare che un commissario ad acta o un commissario prefettizio, possa prendere misure drastiche in termini di aumenti di tasse che andrebbero a vessare ulteriormente i cittadini, già pesantemente provati dalla crisi economica del delicato momento nazionale" ha aggiunto il primo cittadino.

Duro il commento dell’esponente MPS Pio Cisternino:Chi mette insieme, nella stessa coalizione, esclusivamente badando alla vittoria elettorale, uomini come Michele Fini e Mauro Cappucci, oppure i socialisti veri di Matteo Cappucci e quelli finti dei fratelli Chiumento, o ancora Mauro Cappucci e Giuseppe Chiumento, sputtanatisi reciprocamente per le note vicende, come può pensare di aver costruito un progetto che possa risultare valido per la città, laddove politicamente la costruzione di quel progetto è un accrocchio di posizioni inconciliabili?”

La gente è stanca di te, Pompilio, dicci perché in un momento così difficile hai provveduto ad aumentarti lo stipendio, ad acquistarti telefonini da migliaia di euro con denaro pubblico?
Hai acquistato una nuova auto blu da 40.000,00 euro? Perché hai provveduto al rimborso per spese legali ad ex amministratori in presenza di pareri della Corte dei Conti che dicono di non farlo?

Perché hai vessato il Popolo Sangiovannese con aumenti di ogni genere, IMU, TARSU, buoni mensa, tariffe varie? Perché per risanare le casse comunali non hai continuato le azione per il recupero di ingenti somme derivanti da contenziosi in atto tra il comune e alcuni tuoi comparucci? Perché hai pensato di farlo introducendo, per la prima volta nella storia della politica sangiovannese, l’addizionale comunale IRPEF? Dov’è il Piano per gli Assetti Idrogeologici, la qual cantierizzazione dei lavori avevi promesso entro i primi 100 giorni del tuo mandato? Dicci perché te ne sei andato in giro, per gran premi e viaggetti, utilizzando denaro dei contribuenti?”.

Probabile a questo punto l’ingresso dell’Udc tra i banchi della maggioranza con Fania e Miglionico,  tant’è che Angelo Cera ha commentato così la difficile situazione che sta vivendo l’amministrazione comunale: “Ancora una volta la vita amministrativa di questa città è legato a interessi che esulano dall'amministrare bene. Per le opposizioni sarebbe roba da poco mandare tutto a monte e ripartire sempre da zero, come è successo ormai da qualche amministrazione a questa parte. Non ci sono interessi ne personalismi, bisogna amministrare la Città per ridare quello slancio necessario che da molto tempo i cittadini si aspettano. Ma detto questo mi viene da dire solo una cosa: ci vuole responsabilità”.


 


 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento