menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Covid, test rapidi in farmacia ma non in Puglia: "Siamo ancora a zero, ritardo imbarazzante del governo regionale"

La denuncia arriva dai parlamentari e consiglieri regionali pugliesi di Forza Italia - tra loro, il manfredoniano Giandiego Gatta - che attaccano: "Evidentemente qualcuno ha problemi ad ottimizzare lo screening del contagio"

"Le farmacie delle altre regioni stanno già eseguendo da diverse settimane i test rapidi per il Covid-19. La Giunta pugliese invece è in un ritardo imbarazzante". A denunciarlo sono i parlamentari pugliesi di Forza Italia Mauro D'Attis, Dario Damiani, Francesco Paolo Sisto, Vincenza Labriola, Elvira Savino, Veronica Giannone e Carmela Minuto, e i consiglieri regionali Stefano Lacatena, Giandiego Gatta e Paride Mazzotta.

"Evidentemente qualcuno ha problemi ad ottimizzare lo screening del contagio - incalzano gli azzurri - Solo così possiamo spiegarci il fatto che la Regione non stia procedendo alla firma del protocollo con Federfarma e Ordine dei Medici che, tra le altre cose, dovrebbe anche stabilire le modalità di segnalazione degli eventuali esiti positivi alle Asl. È questo l’unico ostacolo all’avvio dei test nei 'Covid Point' farmaceutici".

Parlamentari e consiglieri forzisti si domandano come sia possibile che mentre le altre Regioni stanno operando in questa direzione da tempo, "in Puglia siamo ancora a zero. Eppure - osservano - non sembra difficile programmare la piattaforma informatica per la segnalazione dei risultati dei tamponi. A questo punto, ci aspettiamo delle risposte precise e dei chiarimenti in merito a questo ingiustificabile ritardo da parte del governo regionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

"Compro 3mila dosi del vaccino Sputnik con la mia indennità"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento