Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che pasticcio il Contratto di Sviluppo! Sindaci senza soldi e senza informazioni. Ischitella: "Non so neanche cosa sia"

Incontro dei parlamentari cinquestelle dopo le rimostranze del territorio. Faro ammette: "Avrebbero dovuto muoversi prima"

 

Contratto istituzionale di Sviluppo. Dopo le rimostranze dei sindaci (che hanno obbligato Invitalia a tornare a discutere delle progettualità in Prefettura), si muovono i parlamentari foggiani del Movimento 5 Stelle, unitamente all'europarlamentare Mario Furore e alla consigliera regionale Rosa Barone. Oggi, a Palazzo Dogana, incontro con i sindaci ai quali è stato spiegato che il CIS è ormai cosa fatta ma - come ha detto anche l'ad di Invitalia, Domenico Arcuri-, potrebbero essere margini di inserimento di altre progettualità rivenienti da economie della prima tranche o da ulteriori risorse che potrebbero essere messe sul CiS Capitanata. Ovviamente allo stato di certo non vi è nulla. Anche perchè resta il grande tema dei progetti. La strada regionale 1, ad esempio, ne è priva e senza progetto è impossibilie che venga finanziata. Osservazione che riapre il problema dei problemi vissuti dai sindaci, soprattutto dei piccoli Comuni: il finanziamento delle progettazioni. "Senza soldi non le faremo mai, serve un fondo dedicato" torna a ribadire il sindaco di Casaltenuovo Della Daunia, Guerino De Luca, mentre il sindaco di Ischitella provoca l'imbarazzo generale: "Io non sapevo neanche dell'esistenza del Cis" dichiara. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento