Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Che pasticcio il Contratto di Sviluppo! Sindaci senza soldi e senza informazioni. Ischitella: "Non so neanche cosa sia"

Incontro dei parlamentari cinquestelle dopo le rimostranze del territorio. Faro ammette: "Avrebbero dovuto muoversi prima"

 

Contratto istituzionale di Sviluppo. Dopo le rimostranze dei sindaci (che hanno obbligato Invitalia a tornare a discutere delle progettualità in Prefettura), si muovono i parlamentari foggiani del Movimento 5 Stelle, unitamente all'europarlamentare Mario Furore e alla consigliera regionale Rosa Barone. Oggi, a Palazzo Dogana, incontro con i sindaci ai quali è stato spiegato che il CIS è ormai cosa fatta ma - come ha detto anche l'ad di Invitalia, Domenico Arcuri-, potrebbero essere margini di inserimento di altre progettualità rivenienti da economie della prima tranche o da ulteriori risorse che potrebbero essere messe sul CiS Capitanata. Ovviamente allo stato di certo non vi è nulla. Anche perchè resta il grande tema dei progetti. La strada regionale 1, ad esempio, ne è priva e senza progetto è impossibilie che venga finanziata. Osservazione che riapre il problema dei problemi vissuti dai sindaci, soprattutto dei piccoli Comuni: il finanziamento delle progettazioni. "Senza soldi non le faremo mai, serve un fondo dedicato" torna a ribadire il sindaco di Casaltenuovo Della Daunia, Guerino De Luca, mentre il sindaco di Ischitella provoca l'imbarazzo generale: "Io non sapevo neanche dell'esistenza del Cis" dichiara. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento