Schiarita tra Conte ed Emiliano, il governatore: "Dacci il nulla osta per Gino Lisa". Landella: "Strade e assunzioni"

"Tutto è bene quel che finisce bene" commenta il presidente della Regione dopo che il premier gli ha confermato l'invito con telefonata. E interviene sul Gino Lisa. Parla anche il sindaco di Foggia: "Strade e assunzioni"

“Tutto è bene quel che finisce bene”, lo ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano intervenendo, questa mattina in Prefettura a Foggia, alla riunione sul Contratto di sviluppo della Capitanata presieduta dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Proprio in apertura di riunione c’è stato un chiarimento tra governatore e premier: Emiliano non aveva ricevuto la convocazione ufficiale a questa riunione e, per questo, al suo ingresso in Prefettura ha dichiarato alla stampa: “Sono il presidente della Regione Puglia e mi sono autoinvitato, visto che era mio diritto e dovere essere presente in Prefettura. Sono qui per prendere posizione sulle questioni che riguardano il mio territorio e la mia competenza costituzionale. Cercheremo di capire cosa intendono fare, se ho capito bene stanno immaginando degli investimenti sul nostro territorio: ne siamo felici se ovviamente tutto questo viene condiviso con i Sindaci e con la Regione Puglia, perché ripeto la Costituzione prevede questo. Quindi qui non c'è guerra, avrei potuto fare l'offeso, ma meglio non metterla su questo piano con questi chiacchieroni”. Uno scontro istituzionale in piena regola, nato dalle proteste dei sindaci escluse dal vertice riportate ieri su Foggiatoday.

Il chiarimento con il premier è arrivato subito dopo, in apertura della riunione, quando il presidente Conte ha detto che - nella serata di ieri - hanno provato a contattare telefonicamente il presidente Emiliano proprio per invitarlo, ribadendo la volontà di collaborazione per il bene del territorio, volontà ovviamente accolta dal presidente della Regione. Controreplica di Emiliano: il presidente della Regione non si invita con una telefonata.

Ciononostante,“sono felice e pronto a lavorare con il Governo - ha detto Emiliano nel corso dell’incontro - pochi giorni fa ci siamo riuniti con la gran parte dei sindaci presenti proprio per sollecitare tutti gli interventi che sono in corso, che sono finanziati con fondi del Patto per il Sud integrati con i fondi europei. Stiamo intervenendo sulla difesa del suolo, sulle risorse idriche, sulla logistica, su strade, porti turistici, investimenti industriali, formazione per giovani e imprese, sanità, ospedali, poliambulatori - ne abbiamo inaugurato uno da pochissimi giorni - sviluppo urbano, asili nido, buoni servizio, sul reddito di cittadinanza che in Puglia si chiama Reddito di dignità e funziona benissimo da due anni e mezzo, su sviluppo rurale, aree interne e turismo”.

Circa un miliardo di euro è già in via di investimento - ha detto Emiliano rivolgendosi a Conte - È chiaro che l'idea che lei ha avuto di fondi supplementari che si  integrano con quelli già in corso, è una manna, nel senso che si tratta di poter rafforzare le visioni del territorio e completarle. E noi abbiamo un entusiasmo che può facilmente immaginare: siamo la Regione numero uno nella spesa dei fondi, di tutti i tipi di fondi, quindi siamo di grande aiuto per dare una mano a spendere questo danaro. E quindi non c'è nulla che possa ostacolare. Mi fa molto piacere che questa giornata, peraltro sotto le feste di Natale, non solo ci abbia ha reso tutti più buoni, ma ci metta nelle migliori condizioni per lavorare al meglio. Io sono pronto, anzi noi siamo pronti”.

Rispondendo infine al Presidente del Consiglio sulla questione dell’aeroporto Gino Lisa di Foggia, Emiliano ha detto: “Le comunico che il 22 ottobre 2018 abbiamo approvato lo schema di convenzione per l’attribuzione allo svolgimento degli obblighi di servizio dell'aeroporto di Foggia. Il 6 novembre scorso la convenzione è stata trasmessa al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e siamo in attesa del nulla osta. È chiaro che lei ha perfettamente ragione, questo non basta e bisogna programmare attività economiche e logistiche connesse all'aeroporto, questo lo sanno tutti i presenti, però avere la pista allungata e la stazione riaggiustata ovviamente significa attrarre più facilmente gli investimenti. Quindi se il Ministero ci darà il nulla osta, e se lei spendesse una parola per accelerare questo rilascio del nulla osta, noi saremo pronti a partire coi lavori”.

Le tre richieste di Franco Landella: "Adotta le strade"

Tre i temi, invece, posti dal sindaco di Foggia, Franco Landella.

“Il primo, sulla possibilità di modulazione delle procedure per avviare esecutivamente, col sostegno statale, i progetti che faranno parte del CIS che i Comuni - come è accaduto in passato per altri finanziamenti statali - hanno difficoltà a far partire per le carenze dei bilanci degli enti.

Poi ho provocatoriamente chiesto di adottare le strade della città capoluogo come quelle della rete viaria provinciale: le casse dei Comuni, stremate e a volte in predissesto, non mettono in grado gli enti di garantire queste fondamentali opere di infrastrutturazione e manutenzione. È importante, per questo, interrompere la graduale sottrazione di risorse statali destinate ai Comuni per consentire loro di tenere in ordine per prima cosa le vie di comunicazione, interne e intercomunali.

Il terzo sollecito che ho mosso riguarda la possibilità di riaprire le assunzioni da parte dei  Comuni che, tra "spending review" e blocchi imposti agli enti con problemi di bilancio, sta causando l'impoverimento del personale dei singoli enti, dato anche il graduale pensionamento degli impiegati in servizio. Un modo per offrire servizi comunali efficienti alla comunitá ma anche anche per dare ai nostri citradini opportunità occupazionali.

Il Ministro Lezzi ha garantito l'attenzione e la disponibilità del Governo a venire incontro alle esigenze degli enti locali, con strumenti esistenti ma anche con provvedimenti da studiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento