Il centrodestra snobba la Consultà della Legalità: disertata la commissione Regolamenti

Alfonso De Pellegrino denuncia: "Miranda costratto a dichiarare deserta la seduta, a causa dell’assenza dei suoi colleghi di Forza Italia e degli altri colleghi della maggioranza"

Ma la Consulta della Legalità s’ha da fare? A questa domanda qualcuno dovrà pur rispondere, magari con i fatti.  A cercare di stanare e capire i motivi del perchè i consiglieri del centrodestra hanno disertato la riunione della commissione Regolamenti, che avrebbe dovuto discutere dell'istituzione della Consulta, ci prova Alfonso De Pellegrino. 

Il componente della segreteria provinciale del Partito Democratico e consigliere comunale, all'uscita di Palazzo di Città, dove poco prima il presidente del Consiglio comunale, Luigi Miranda, si era visto costretto a dichiarare deserta la seduta “a causa dell’assenza dei suoi colleghi di Forza Italia e degli altri colleghi della maggioranza”, ha rilasciato alcune dichiarazioni: "E dire che l’istituzione di questo organismo era nel programma dell’allora candidato sindaco, oggi distratto dall’organizzazione della campagna elettorale"

De Pellegrino aggiunge: "O forse non ha gradito che a presentare la proposta di delibera siano stati alcuni consiglieri di minoranza. Gli stessi che hanno, finora, inutilmente portato all’attenzione del presidente del Consiglio comunale la mozione con cui indurre l’amministrazione comunale ad adottare il ‘modello Ercolano’ e cancellare i tributi locali per un triennio agli imprenditori che denunciano e collaborano alla condanna di estorsori e usurai"

Per l'esponente del PD, "il centrodestra foggiano è inerte di fronte all’emergenza sicurezza e preferisce rifugiarsi in polemiche sterili e strumentali contro il Partito Democratico e il Governo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude Alfonso De Pellegrino: "Non abbiamo alcuna intenzione di fare un solo passo indietro e continueremo ad esercitare ogni pressione politica ed istituzionale per ottenere che il Consiglio comunale discuta le nostre proposte. Se vogliono bocciarle, devono farlo pubblicamente ed assumerne pubblicamente la responsabilità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • Smantellata organizzazione mafiosa: 48 arresti nel blitz 'Gran Carro', misure cautelari anche in provincia di Foggia

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

  • Coronavirus, altri 13 morti in Puglia: i nuovi contagi sono 772

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento