rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

La maggioranza Emiliano perde pezzi: esulta il centrodestra, fuori dal Consiglio regionale Longo e Pendinelli

Dentro Antonio Vito Scalera e Vito De Palma. Hanno entrambi vinto il ricorso al Consiglio di Stato

E’ stato rinviato alle 13.30 il Consiglio regionale di oggi già convocato per le 12 a seguito della notifica delle ordinanze 33 e 41 della seconda sezione del Consiglio di Stato, con le quali entrano in Consiglio regionale Antonio Paolo Scalera candidato nelle liste de ‘La Puglia Domani’ al posto di Mario Pendinelli e Vito De Palma candidato nelle liste di Forza Italia al posto di Longo Giuseppe (come da sentenze del Tar Puglia). L’ordine dei lavori prevede quindi la convalida delle proclamazioni. In ultimo si eleggeranno i tre consiglieri regionali delegati per l’elezione del presidente della Repubblica.

La maggioranza targata Michele Emiliano perde ufficialmente due pezzi: Pendinelli era stato eletto con i Popolari Con Emiliano, mentre Giuseppe Longo nella lista ‘Con Emiliano.  Così il commissario di Forza Italia, l’on. Mauro D’Attis, il vicecommissario vicario, il senatore Dario Damiani e il capogruppo in Consiglio regionale, Stefano Lacatena. “Esultiamo per l’ingresso in Consiglio regionale del nostro Vito De Palma, uscito vittorioso dal ricorso al Consiglio di Stato. È stato un periodo complesso, di attesa paziente, ma oggi è una gran bella giornata: la rappresentanza all’interno dell’assise regionale è finalmente aderente alla legge. A De Palma ed anche a Scalera vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro, ma anche a tutti i pugliesi che, da oggi, tornano ad avere un organo legislativo composto nel rispetto della legge”.

Così il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo La Puglia Domani. “Diamo il benvenuto in Consiglio regionale ad Antonio Scalera. È un nuovo ingresso che porta il valore dell’esperienza e dello spessore politico nel gruppo La Puglia Domani. Sono certo che il lungo rapporto di amicizia e stima reciproche che ci lega, potrà cementarsi e produrre nuovo impegno nell’ascolto e nell’interesse dei territori che rappresentiamo. A Scalera l’augurio di buon lavoro, con l’auspicio di una proficua collaborazione”.

Vito De Palma, nato a Ginosa il 13 novembre 1966. Laureato in “Management Pubblico ed E-Government’. Ha frequentato e superato il corso di formazione universitaria in ‘Governance Locale e Unione Europea”, i master in “Economia e Amministrazione degli Enti Locali” e in “Diritto Tributario”. Lavora come funzionario alla Direzione provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Taranto.  Ha effettuato diverse docenze in materia di Tributi Locali al Master di I e II livello in “Management Pubblico, E-government e Federalismo Fiscale” presso l’Università del Salento di Lecce.  Nel 1997 viene eletto consigliere comunale di minoranza al Comune di Ginosa. Inizia così un lungo e impegnativo cammino che traduce una passione giovanile in impegno concreto e quotidiano nelle istituzioni e nella società civile, con la partecipazione attiva alla vita politica cittadina e di partito. L’esperienza all’opposizione sarà utile per conoscere a fondo la macchina amministrativa: saranno sempre le “battaglie” in Consiglio a ricordare la superiorità della pratica alla teoria, in politica. Dopo il primo mandato, viene rieletto in Consiglio comunale nel 2001 e nel 2006, risultando il primo degli eletti di Forza Italia, fino alla consacrazione del 2011 quando diventa Sindaco di Ginosa. 

Eletto presidente del Consiglio comunale nel 2001, poi vice sindaco di Ginosa, dal 2006 al 2011 e? ancora presidente del Consiglio comunale, delegato alle innovazioni tecnologiche e componente del Comitato Strategico del Centro Servizi Territoriale) di Taranto. Dal 2016 al 2021 è Consigliere comunale di Ginosa. E’ stato delegato al Congresso fondativo del Pdl a Roma, nel 2009 e in qualita? di sindaco e? stato componente del Consiglio Nazionale e del Direttivo Regionale dell’Anci. Eletto consigliere regionale nella circoscrizione di Taranto per la lista di Forza Italia, è alla sua prima esperienza in Consiglio regionale.  A febbraio 2021 viene nominato Commissario Provinciale di Forza Italia per la provincia di Taranto. Nel 1987 quale giovane ufficiale di complemento della Marina Militare dopo il corso in Accademia Navale a Livorno, ha prestato servizio presso la Stazione Elicotteri di Catania e a Maricommi Taranto.  L’impegno sociale, l’attività sindacale con i colleghi di ufficio e il volontariato nell’Agesci e nella parrocchia, l’attività in ‘Radio Ginosa’ e nella Pro Loco cittadina hanno caratterizzato il suo percorso umano dall’adolescenza fino all’età adulta. 

Antonio Scalera, nato a Palagiano il 25 gennaio 1964. Laureato in Pedagogia all’Università degli Studi di Bari, funzionario dell’Istituto Autonomo Case Popolari di Taranto.  È consigliere regionale subentrato al consigliere Mario Pendinelli a seguito della sentenza Tar Puglia Bari, Sezione terza, n. 1781/2021, adottato su ricorso elettorale. Primo dei non eletti de la lista La Puglia Domani nella circoscrizione elettorale di Taranto alle elezioni regionali di settembre 2020. Già consigliere regionale nell’VIII legislatura per la lista Udc, in cui ha ricoperto la carica di vicepresidente della Commissione consiliare al bilancio e componente della Commissione ambiente.  Nella tornata elettorale del 2004 per il rinnovo del Parlamento Europeo è stato candidato nella lista dell'Udc; Nel 1994 è stato eletto consigliere provinciale nelle liste del Partito del Ccd - risultato primo degli eletti, assumendo la carica di capogruppo consiliare, presidente delle Commissioni provinciali, bilancio e programmazione, attività produttive. Rieletto consigliere provinciale nel 1999 nelle file del CCD/UDC, ha assunto la carica di capogruppo, presidente della Commissione provinciale "Regolamento e Statuti", vicepresidente delle Commissioni provinciali per le attività produttive e assetto del territorio. Nel gennaio del 2001 è stato eletto segretario provinciale del Partito Ccd di Taranto.


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maggioranza Emiliano perde pezzi: esulta il centrodestra, fuori dal Consiglio regionale Longo e Pendinelli

FoggiaToday è in caricamento