Giovedì, 17 Giugno 2021
Politica

La maggioranza non ha i numeri, anche arrivare a 11 è un'impresa

L'opposizione non intende fornire alcuna stampella e la seduta del Consiglio comunale di Foggia in prima convocazione andrà deserta. I consiglieri di maggioranza che oggi hanno partecipato alla riunione parlano di "atti amministrativi" scindendo le questioni politiche

La seduta del Consiglio comunale di martedì 11 maggio, secondo i pronostici, andrà deserta. L'opposizione non entrerà nella riunione su Zoom dedicata alle surroghe di tre dimissionari e alla nomina temporanea per la supplenza dei due consiglieri sospesi dalla carica a seguito dell'applicazione di misure cautelari nei loro confronti. La maggioranza da sola non ha i numeri, anche se partecipasse al completo, ridotta a 15 consiglieri.

In prima convocazione, il Consiglio comunale non può adottare deliberazioni se non sono presenti almeno 16 consiglieri. La seduta di seconda convocazione è valida se è presente almeno un terzo dei consiglieri assegnati per legge, con eventuale arrotondamento all'unità superiore, vale a dire 11 consiglieri. Anche se il sindaco non fosse stato dimissionario, non sarebbe stato computato comunque.

Di certo, domani non ci saranno i Popolari Pugliesi Danilo Maffei e Massimiliano Di Fonso, poi, si vedrà: "Aspettiamo i risvolti di tante situazioni", dice oggi Di Fonso, lasciando presagire che potrebbero esserci ulteriori evoluzioni.

Il secondo tentativo è già fissato per mercoledì 12 maggio alle 16:30. Se cinque consiglieri della maggioranza daranno forfait non si potrà procedere. Se i Popolari Pugliesi non dovessero cambiare idea e mancassero all'appello tre leghisti che sembrano orientati a non partecipare - Salvatore De Martino, Concetta Soragnese e Amato Negro - salterebbe il banco e niente surroghe. Trovati i sostituti potrebbe rivelarsi un'impresa arrivare a 11.

Il consigliere comunale Francesco Paolo La Torre (Lega) scinde gli adempimenti dalle questioni politiche: "Chi vuole esserci ci sarà, ognuno è libero, non c'è un indirizzo di partito. Sono atti amministrativi. Numeri o no non cambia nulla, perché se il sindaco ad oggi ha dato le dimissioni che ci siano o meno le surroghe non ha importanza". La filosofia, però, è che la surroga è un "atto dovuto", parole di Gino Fusco a margine dell'incontro.

La Torre oggi era a Palazzo di Città per la riunione di maggioranza, come il segretario provinciale del partito Daniele Cusmai. Ed è lui a riferire che nell'incontro, che sembrava più orientato a contarsi, si è parlato della "situazione politica". Cosa si siano detti non è proprio chiaro. L'invito a partecipare era arrivato dall'Ufficio di Gabinetto ma il sindaco dimissionario non si è presentato. Hanno partecipato, tra gli altri, gli assessori, il presidente del Consiglio comunale Lucio Ventura, Pasquale Rignanese che, intervenuto durante la riunione, risponderà anche all'appello su Zoom, i Fratelli d'Italia Gino Fusco e Ciccio D'Emilio. Assenti il capogruppo e segretario di Fratelli d'Italia, Raffaele Di Mauro, proprio come annunciato dal partito alla vigilia, e i leghisti controcorrente Salvatore De Martino e Concetta Soragnese.

I partiti si sono espressi: per la Lega la consiliatura è finita quando il sindaco Franco Landella ha rassegnato le dimissioni, Fratelli d'Italia guarda già oltre e considerava conclusa la propria esperienza nell'amministrazione il 15 aprile con l'uscita dalla Giunta e dalle partecipate. Se fosse un capitolo chiuso, però, non avrebbe senso partecipare alle riunioni di maggioranza e provare a rimpiazzare dimissionari e sospesi. Non ci sarebbe fretta, poi, se per l'appunto il sindaco fosse orientato a non ritirare le dimissioni, considerato che il termine dei dieci giorni per la surroga è da ritenersi acceleratorio e non perentorio.

Per Forza Italia le dimissioni di Landella "non sono uno scherzo o un gioco di strategia politica, ma un atto serio, importante".  Da ultimo si è espresso anche l'Udc: sentiti i vertici nazionali e regionali, il coordinatore provinciale Francesco D’Innocenzio e il commissario cittadino Simona Roselli prendono le distanze dall'amministrazione. "Questa esperienza deve essere archiviata", affermano, e accolgono con piacere l'ingresso di Eugenio Iorio perché "ha già dichiarato che lavorerà esclusivamente per accompagnare tale amministrazione verso le proprie dimissioni”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La maggioranza non ha i numeri, anche arrivare a 11 è un'impresa

FoggiaToday è in caricamento