menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco Franco Landella e la lettera sotto accusa

Il sindaco Franco Landella e la lettera sotto accusa

Landella esulta: "Il cuore grande di Foggia si è fatto sentire", ma una lettera fa arrabbiare il PD: "E' una vergogna"

Il messaggio di accompagnamento ai generi alimentari della raccolta fondi attivata dal Comune di Foggia fa agitare il gruppo consiliare del Partito Democratico: "Landella vuole trasformare i concittadini in clienti ed elettori"

"Il cuore grande di Foggia si è fatto sentire". Con la voce rotta dalla commozione, il sindaco Franco Landella, in un videomessaggio ringrazia tutti i cittadini che hanno contribuito alla colletta alimentare e hanno garantito il sostegno alle famiglie bisognose. Stamattina è partita l'erogazione dei buoni spesa e contestualmente è stata avviata la consegna dei pacchi contenenti generi di prima necessità donati lo scorso lo 28 marzo tramite il banco alimentare promosso dal Comune, che ha lanciato anche la raccolta fondi online "Foggia solidale" (ad oggi arrivata a oltre 3400 euro). "Voglio dire grazie - ha aggiunto il sindaco - a tutti i cittadini foggiani che in queste ore, in maniera composta e dignitosa, si stanno recando presso i punti di distribuzione, per ricevere un piccolo (si tratta di un importo complessivo a settimana, per una famiglia composta da quattro persone, di circa 140 euro) ma fondamentale aiuto in questo momento di immensa difficoltà. Vorremmo fare di più e ci impegneremo a farlo con l’aiuto di tutti, affinché nessuno si senta solo"

LA LETTERA DELLA DISCORDIA - Nelle ultime ore ha fatto il giro dei social la lettera a firma del primo cittadino che accompagna il pacco alimentare. "Carissimi, con affetto vi faccio consegnare questo pacco di generi alimentari che le nostre associazioni di volontariato hanno provveduto a raccogliere dalla colletta che l'amministrazione comunale ha organizzato presso i supermercati della città, a cui tanti foggiani hanno risposto con generosità - si legge nel messaggio - So bene che questo piccolo dono non risolve i tanti problemi che la vostra famiglia si trova ad affrontare ma vuole essere la dimostrazione che nei miei pensieri ci sarete sempre in futuro, quando mi auguro di poter avere dal Governo le risorse promesse per affrontare anche le vostre difficoltà. Un abbraccio".

PD ALL'ATTACCO - Pronta la nota di biasimo del gruppo consiliare del Partito Democratico di Foggia e del segretario cittadino: "È inammissibile che il sindaco di Foggia personalizzi la solidarietà dei foggiani nei confronti di chi si trova in difficoltà. È inammissibile che il sindaco di Foggia trasformi i pacchi alimentari in 'piccoli doni' caritatevoli. È inammissibile che il sindaco di Foggia utilizzi un frangente così drammatico per polemizzare con altre istituzioni". Ad affermarlo, in una dichiarazione congiunta, sono il segretario cittadino del PD Davide Emanuele e i consiglieri comunali Lino Dell'Aquila, Lia Azzarone, Franceso De Vito, Michele Norillo e Anna Rita Palmieri. "È una vergogna che deve essere denunciata pubblicamente per tutelare i nostri concittadini più deboli, che Franco Landella vorrebbe trasformare in clienti ed elettori. Persone che hanno molta più dignità di quanto lui immagini; persone che meritano il rispetto che lui non ha mostrato; persone che sono titolari di diritti e non destinatari di concessioni paternalistiche. L'unica verità è che l'Amministrazione comunale non ha saputo minimamente fronteggiare l'emergenza e organizzare la risposta alle necessità di chi più di altri subisce gli effetti della pandemia da Covid-19. Non serve a nulla strillare nei video pubblicati su facebook - proseguono i Dem - ancora meno è utile polemizzare con le altre istituzioni che a vantaggio di Foggia e dei foggiani hanno già stanziato fondi cospicui per l'emergenza alimentare - 1.142.277,50 euro del Governo nazionale e 412.757,18 euro della Regione Puglia - e altre somme si apprestano a stanziare. In simili frangenti, ciascun rappresentante istituzionale è chiamato a svolgere la propria funzione ed il proprio dovere con ancora più impegno e dedizione, e non per essere ringraziato o per guadagnare utilità politiche. Landella impari da altri sindaci che operano costruendo reti di solidarietà e sostegno, che sono davvero al fianco dei cittadini con sensibilità ed empatia. Più volte abbiamo chiesto di essere coinvolti attivamente nell'organizzazione delle azioni a sostegno di quanti sono in difficoltà e mai ci è stata data neanche una risposta. Forse perché a noi non può fare 'piccoli doni'".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento