Giovedì, 28 Ottobre 2021
Politica Vieste

PD, reclutati "mercenari" al costo di una tessera e una birra. Ragni: "Partito malato"

Alla luce dei voti espressi ieri a Carapelle, Carpino, Orsara e Vieste, il quadro complessivo vede in testa Raffaele Piemontese con 4.862 voti e 94 delegati, seguito a ruota da Lombardi con 4.758 voti e 91 delegati

Prosegue, seppure con qualche battuta d’arresto, la conta dei voti e delegati complessivamente attribuiti a Michelangelo Lombardi e Raffaele Piemontese, entrambi candidati alla segreteria provinciale del PD.

Saranno poche preferenze a fare la differenza, stando ai risultati degli ultimi congressi di circolo a Carapelle (Lombardi 36 voti / 1 delegato - Piemontese 23 voti / 1 delegato), Carpino (Lombardi 12 voti / 0 delegati - Piemontese 117 voti / 2 delegati), Orsara (Lombardi 17 voti / 1 delegato - Piemontese 34 voti / 2 delegati) e Vieste (Lombardi 41 voti / 4 delegati - Piemontese 0 voti / 0 delegati).

Alla luce di questi risultati – ancora ufficiosi, sarà infatti compito della Commissione provinciale per il Congresso esaminare e validare il voto – il quadro complessivo vede in testa Raffaele Piemontese con 4.862 voti e 94 delegati, seguito a ruota da Lombardi con 4.758 voti e 91 delegati. Non sono mancate, però, polemiche e disguidi. Soprattutto a Vieste dove il presidente della direzione provinciale del PD, Aldo Ragni, ha evidenziato “gravi mancanze della commissione provinciale di garanzia”.

"Quello che è accaduto nel congresso di Vieste è di una gravità inaudita. Una decina di persone di Foggia sono venute a Vieste ed hanno raccolto un po' di persone da reclutare in questa competizione congressuale al costo di una tessera e di una birra. Quelle stesse persone che alle elezioni amministrative si vendono al miglior offerente (solitamente il centrodestra)”.

E passa quindi agli esempi concreti: “Ieri ci sono stati i congressi a Carpino e a Vieste. Come si spiega il fatto che a Carpino il PD con un terzo dei voti di Vieste (500 contro 1500) abbia il triplo delle tessere (129 contro 44)? Ma è solo uno degli innumerevoli esempi. Così non può andare: il congresso provinciale doveva essere un momento di confronto sulla linea politica del PD ed invece è la fotografia di un partito malato".

“Se Piemontese e Lombardi avessero il coraggio di non ascoltare i loro pasdaran si dovrebbero fermare e rendersi indisponibili a guidare un partito in queste condizioni. Perché un Partito Democratico ridotto a questo stato non serve a nessuno. Siamo sull'orlo del burrone, ma abbiamo ancora il tempo per fermarci e ritrovarci attorno ad un tavolo per ragionare insieme sul tipo di partito che vogliamo in Capitanata".

“Per questo, faccio appello al buon senso ed alla responsabilità di Raffaele e Michelangelo – conclude – Fermatevi, e trovate insieme una soluzione politica per gestire questo partito nei prossimi mesi prima di riconvocare un nuovo congresso provinciale che metta al centro della competizione la linea politica del PD e non il suo gruppo di comando".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PD, reclutati "mercenari" al costo di una tessera e una birra. Ragni: "Partito malato"

FoggiaToday è in caricamento