Politica

Congresso PD, Sgarro: “Mercimonio consensi di noti veterani del tesseramento coatto”

Tommaso Sgarro, segretario del Pd di Cerignola, allontana le voci di un allontanamento fisico della Gentile a Scalfarotto e giudica inaccettabile alcuni comportamenti durante il voto per la segreteria provinciale

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Sono stati giorni frenetici, intensi, bellissimi. Vorrei ringraziare, uno per uno, tutti quelli che mi hanno incoraggiato, spronato, aiutato, nel raggiungimento di questo importante obiettivo. Questa è una vittoria di molte persone. Il primo abbraccio, però, va a una splendida ragazza di 95 anni, alla partigiana Filomena Dellacroce che, prima mi ha onorato della sua simbolica presenza nella lista del direttivo di circolo, e poi mi ha sostenuto realmente, con forza e passione, venendo a votare sabato sera.

È questo” il più bel fiore del partigiano”, il mio impegno, la mia dedizione per non farlo sfiorire. Per questo motivo e per essere fin da subito chiari su quali comportamenti il partito sarà intransigente mi preme sottolineare anche le note stonate di questa due giorni, comunque, di democrazia e partecipazione. È inaccettabile il mercimonio sui consensi che c’è stato la sera del voto nei pressi del circolo del PD ad opera di alcuni “noti” veterani del tesseramento coatto.

Prendiamo le distanze da questi dispensatori di tessere che però, ancora una volta, non sono riusciti nel loro intento, perché a giocar sporco non ci guadagna mai nessuno ma soprattutto ci si rimette sempre in prima persona. Inaccettabile, inoltre, è il tentativo di coloro i quali stanno cercando di avvelenare i pozzi facendo circolare notizie prive di qualsiasi fondamento sul congresso provinciale.

CERIGNOLA, VOTI CONGRESSO PD

Non posso che bollare come clamorosamente falso il presunto allontanamento fisico dalla sezione del PD di Cerignola di Ivan Scalfarotto da parte dell’assessore Gentile. È una ricostruzione ancor prima che fantasiosa palesemente strumentale. Quel che c’è stato veramente, come ha anche confermato Scalfarotto, è solo un confronto franco ma civile tra persone intelligenti quali sono Ivan ed Elena Gentile su questioni di carattere politico.

Il resto è gossip. Quello che ci aspetta è un percorso complesso e affascinate di rafforzamento della proposta politica, di nuovo radicamento sul territorio, di apertura alle sfide di una città come Cerignola e di una provincia come quella di Foggia che vivono un momento difficilissimo.  È questo anche il motivo che a livello provinciale mi ha portato a sostenere convintamente la candidatura di Michelangelo Lombardi. Adesso è il momento di rimboccarsi le maniche e lavorare duramente e con passione. Buon lavoro a tutti noi. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Congresso PD, Sgarro: “Mercimonio consensi di noti veterani del tesseramento coatto”

FoggiaToday è in caricamento