Dalle infiltrazioni mafiose al commissariamento per il Piano coste: “Mattinata non merita questa umiliazione”

Così il circolo del Pd sugli ultimi avvenimenti accaduti nel comune garganico: "Prencipe sarà ricordato per un primato assoluto. L'inerzia amministrativa e l'attacco alle poltrone hanno fatto sì che Mattinata si conquistasse un marchio insopportabile"

“L’epilogo di un’amministrazione i cui limiti sono sotto gli occhi di tutti non poteva essere più nefasto”, è il duro commento del Partito Democratico di Mattinata dopo le ultime vicissitudini che hanno coinvolto il comune garganico, il cui consiglio comunale è stato da poco sciolto per infiltrazioni mafiose. In una dura nota gli esponenti del Pd non risparmiano dure critiche e accuse all’ex sindaco Michele Prencipe, “che sarà ricordato a lungo, non per le opere realizzate ma per un primato assoluto. E’ riuscito in un colpo solo a far sciogliere il Consiglio Comunale per infiltrazioni mafiose e a subire dalla Regione la nomina del commissario per l’approvazione del Piano Comunale delle Coste.

L’inerzia amministrativa e programmatica uniti al morboso attaccamento alle poltrone dei nostri amministratori hanno fatto si che Mattinata si conquistasse un marchio insopportabile, il quale peserà a lungo sul suo futuro. Un atto di responsabilità, di generosità o d’orgoglio personale avrebbe evitato al nostro paese questa grave umiliazione. Appena insediatasi la commissione di verifica il circolo del PD in un manifesto pubblico scrisse che in presenza di una procedura di tale gravità fosse necessario anteporre il bene comune della città a tutti gli altri interessi.  Le dimissioni del Sindaco e della Giunta sarebbero state utili, non solo ad interrompere la procedura avviata, ma anche a difendere l’onorabilità degli stessi amministratori. Dispiace che ciò non sia avvenuto”.

E pensare – aggiungono gli esponenti del Pd – che questa amministrazione aveva perso la maggioranza ed è rimasta in vita solo grazie al generoso soccorso di tutta l’ex minoranza nel Consiglio Comunale, divenuta nel frattempo organica alla maggioranza. Con la pubblicazione delle motivazioni che hanno portato allo scioglimento del consiglio comunale capiremo se il provvedimento è giustificato, ingiustificato o eccessivo rispetto all’entità effettiva dei fatti. Nel frattempo, però, dobbiamo fare i conti con un danno d’immagine enorme per la nostra cittadina, che potrebbe avere una ripercussione negativa in particolare sul turismo”.

Secondo il Pd “adesso è necessario uno scatto di reni, un risveglio politico e civile di tutta la cittadinanza per limitare i danni e riacquisire l’onorabilità. Sarebbe insopportabile se ci venisse cucito addosso anche il marchio dell’omertà. Facendo tesoro del monito di Don Luigi Ciotti a conclusione della grande manifestazione per la legalità tenutasi a Foggia, dobbiamo evitare ogni sottovalutazione o indifferenza. Il tessuto sociale, economico e culturale di Mattinata è di grande spessore. Su di esso dobbiamo costruire il nostro futuro, con orgoglio e determinazione, superando rancori, beghe e contrasti.

E’ necessario che ogni componete della nostra comunità ritrovi il senso di appartenenza e riconquisti il valore civico di convivenza serena. Ci sono tutti i presupposti per creare una nuova ed autorevole stagione politico/ amministrativa, la cui stella polare deve essere il bene di Mattinata, la trasparenza e la legalità. I democratici di Mattinata, assenti dal consiglio comunale decaduto, continueranno a fare la loro part, con l’auspicio di essere in buona compagnia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento