Politica

Il sindaco di Lucera pronto a ritirare le dimissioni: "I margini ci sono"

Ultime ore di valutazioni per capire se ci sono effettivamente le condizioni per "amministrare serenamente". Giuseppe Pitta potrebbe ritrovare i numeri grazie al sostegno di consiglieri delle forze di opposizione che però non entrerebbero in Giunta

Il sindaco di Lucera Giuseppe Pitta potrebbe ritirare ad horas le dimissioni rassegnate il 31 maggio scorso. Per quanto non intenda sbilanciarsi, confermare o smentire, sarebbe pronto a tornare in sella. Il termine per un eventuale ripensamento scade sabato 19 giugno, quando dovrebbe riaprire a bella posta l'ufficio protocollo.

Ma la conferenza stampa per annunciare il suo ritorno potrebbe essere convocata questa sera stessa, al più domani. Insomma, sarebbe solo una questione di ore.

Non sarebbe ancora definita la nuova squadra, ma con tutta probabilità dovrà ricorrere ad assessori esterni, anche perché le forze che hanno annunciato un'apertura non avrebbero avanzato pretese in cambio del sostegno.

L'avvocato è soddisfatto dell'esito delle consultazioni: "Fatta eccezione per i gruppi fuoriusciti e per una sola lista, tutti hanno dato il loro apporto, le loro idee, apertura e hanno convenuto con me che non fosse il caso di andare al voto per la nostra città in maniera così prematura".  

Nessuna riconciliazione con i fuoriusciti delle liste Con e Agricoltori per Lucera, neanche al di fuori di Palazzo Mozzagrugno. "Li capisco: essendosi spinti a dire cose antipatiche e immotivate è chiaro che diventa più difficile. Tutte le riconciliazioni - afferma Pitta - hanno bisogno di un periodo per metabolizzare la cosa. Secondo me loro hanno fatto una scelta avventata, affrettata e irresponsabile: non si può mettere in discussione un'amministrazione dopo sette mesi dalle elezioni, senza motivo". Dal canto suo, serafico, ritiene di aver mantenuto "il garbo istituzionale che la figura di sindaco impone". I toni cambierebbero in una campagna elettorale, eventualità che sembra quasi scongiurata.

Dopo l'implosione della coalizione Facciamo Piazza Pulita, creatura dell'ex sindaco Antonio Tutolo, il suo successore potrebbe aver rimediato comunque i numeri per andare avanti: "I margini ci sono, a me fa piacere che alla fine il mio operato non sia stato messo in discussione a questo punto nemmeno dall'opposizione, però bisogna sempre capire se ci sono le condizioni per amministrare serenamente e in maniera efficace, altrimenti non ne vale la pena ed è meglio affrontare nuove elezioni".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il sindaco di Lucera pronto a ritirare le dimissioni: "I margini ci sono"

FoggiaToday è in caricamento