Rimpasto in Giunta, la Lega pungola Fratelli d'Italia: "Da Di Giuseppe e La Salandra mezzi non idonei"

La nota del vicesegretario regionale della Lega Raimondo Ursitti: "Se sceglieranno di continuare a optare per la soluzione mediatica, la Lega non li seguirà su questo terreno"

"Ancora una volta ci tocca puntualizzare le dichiarazioni di un partito alleato a mezzo stampa. Sia chiaro, questa è l'ultima volta che lo faremo, convinti come siamo della inopportunità di utilizzare i media come luogo di discussione che, la politica insegna, dovrebbe avere ben altri tavoli attorno ai quali confrontarsi e fare sintesi. Ciò detto, ove Franco Di Giuseppe e Giandonato La Salandra scegliessero di continuare ad optare per la soluzione mediatica, sappiano che la Lega non li seguirà su questo terreno". Così il vicesegretario regionale della Lega Raimondo Ursitti in risposta alle ultime dichiarazioni dei responsabili provinciali Fdi inerenti il rimpasto al Comune di Foggia. 

"Giova ricordare che la Lega nel suo intervento si è limitata a ricordare al partito alleato quali dovrebbero essere i luoghi deputati alla discussione, non già ad appuntare patentini di lealtà a questa o a quella forza politica. Esser ricorsi a questo argomento, spiace doverlo evidenziare, è indice di debolezza e scarsità di argomenti. Se Fratelli d'Italia è sempre stata sostenitrice del sindaco Landella, come ci tiene superfluamente a ricordare, avrà certamente avuto le sue buone ragioni. Le stesse che, evidentemente, le mancano in questo preciso momento storico e che prova, legittimamente, a ritrovare. Sbagliando metodo di confronto, a parer nostro, e facendo diventare ciò che in politica è fisiologico, un momento di scontro agli occhi della pubblica opinione", puntualizza Ursitti.

"Dovrebbe, viceversa, esser imperativo di tutte le forze di governo che hanno a cuore il buon andamento e la buona immagine dell'Amministrazione comunale che rappresentano abbassare i toni e riservare queste argomentazioni ai luoghi della politica, che non sono certo quelli della piazza mediatica. Se Di Giuseppe e La Salandra ritengono di continuare a perseguire questa strada, continuino pure. Ma si tratterà di un teatrino inopportuno. Tanto più inopportuno se si intende così analizzare, liquidandolo in quattro battute, il più complesso e generale tema del centrodestra, che ha, viceversa, necessità di un più ampio ed approfondito esame interno - intra e tra alleati - per scandagliare errori, mancanze e non disperdere esperienze ed obiettivi comuni dai quali ripartire e per i quali lavorare pancia a terra, oggi più di ieri. La Lega - conclude il vicesegretario regionale - continua a sostenere le ragioni del confronto politico serio, da ricondurre nel suo alveo naturale, con l'unico obiettivo di rispondere in maniera sempre più ottimale e tempestiva ai reali problemi dei cittadini, acuiti dall'eccezionale periodo storico che stiamo vivendo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Blitz antidroga nell'alto Tavoliere: una dozzina di arresti e perquisizioni nell'operazione 'Jolly'

Torna su
FoggiaToday è in caricamento