Politica

“Riforma pasticciata che restringe ancora di più i diritti dei cittadini”

Lo ha detto, intervenendo ad un incontro sul referendum promosso dall’associazione ‘Capitanata Futura’, Mario Nobile, componente del comitato provinciale per il no.

“Il quesito referendario è fuorviante, e ci impegneremo per spiegare agli elettori che non si tratta affatto di questioni tecniche, ma della vita reale e quotidiana di noi tutti, perché se la riforma verrà approvata ci sarà un ulteriore restringimento della democrazia e dei diritti.” Lo ha detto, intervenendo ad un incontro sul referendum promosso dall’associazione ‘Capitanata Futura’, Mario Nobile, componente del comitato provinciale per il no.

Nobile si è soffermato in modo particolare sulla riforma del Senato: “La trasformazione del Senato in Senato delle autonomie è ispirata alla organizzazione tedesca che prevede però solo assessori ed amministratori regionali che difendono gli interessi delle regioni, dei loro territori e non dei partiti, come accadrà nel nostro Paese se vinceranno i sì. La riforma è pasticciata, lascia irrisolte molte questioni come la modalità di elezione dei senatori ed allontana ancora di più i cittadini dallo Stato e dalla politica.”

VIDEO: FOGGIANI SI O FOGGIANI NO?

A favore del no è intervenuta anche Loredana Olivieri, segretaria provinciale della Cgil, che ha duramente criticato l’approccio del governo Renzi alle riforme: “Non sempre il cambiamento significa miglioramento. Abbiamo avuto riforme che sono deforme, come il Jobs Act o la buona scuola. Nel quesito referendario si raccontano bugie. Si modificano 47 articoli e  non si può sintetizzare i cambiamenti solo nel titolo. È importante riflettere sia sul merito che sul metodo. La Costituzione non è del governo ma dei cittadini. Si poteva risparmiare tagliando gli stipendi dei deputati invece si è tolto ai cittadini il diritto di votare i propri rappresentanti. La riforma sta dividendo il Paese, quando invece dovrebbe unirlo.”

REFERENDUM, IL SONDAGGIO: SI O NO?

L’incontro è stato moderato da Tiziana Zappatore, presidente di ‘Capitanata Futura’. Le ragioni del sì sono state sostenute da Massimo de Meo, coordinatore nazionale della Rete del Sì e Alfonso De Pellegrino, capogruppo del Pd al Comune di Foggia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Riforma pasticciata che restringe ancora di più i diritti dei cittadini”

FoggiaToday è in caricamento