menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Un calderone di 'portavoti' per Conte. Mastella guarda alle elezioni: "Facciamo gli straccioni di Volturara Appula"

Il piano è quello di "mettere insieme tutti quelli bravi perché se ne perdi uno rischi di perdere la partita, tutti quelli che hanno costruito qualcosa, di area socialista, democristiana, laica". In attesa che "rinsavisca Salvini"

Dagli 'Straccioni di Valmy' agli 'Straccioni di Volturara Appula'. Ventidue anni dopo la storia potrebbe ripetersi.

Mentre prosegue la caccia ai voti per salvare il Governo Conte - oggi alla Camera e domani al Senato per la fiducia - dal paese dei Monti Dauni che ha dato i natali al presidente del Consiglio dei Ministri, non molto distante dalla Benevento di Clemente Mastella, il sindaco nato a Ceppaloni è pronto a costituire un raggruppamento pro-Conte, sulla scorta di quanto accadde nel 1998 quando l'ex presidente della Repubblica e allora senatore a vita Francesco Cossiga permise la nascita del primo governo D'Alema mettendo insieme deputati di vari schieramenti, ribattezzandoli, egli stesso, 'Gli straccioni di Valmy'. 

Lo ha ribadito nell'intervista pubblicata questa mattina su 'Il Messaggero'. "Possiamo fare gli straccioni di Volturara Appula anche perché sono io sono il più vicino. La provincia di Benevento confina con quella di Volturara, con il consenso degli altri".

Mastella - che alle scorse regionali in Puglia ha sostenuto Michele Emiliano - si confida con 'O ministro' Cirino Pomicino, si porta avanti con il lavoro e guarda già alle elezioni prossime. Il piano è quello di "mettere insieme tutti quelli bravi perché se ne perdi uno rischi di perdere la partita, tutti quelli che hanno costruito qualcosa, di area socialista, democristiana, laica".

Un nuovo calderone, 22 anni dopo, per permettere a Giuseppe Conte e alla coalizione di centrosinistra di provare a vincere le prossime elezioni, perchè altrimenti, puntualizza Mastella a Il Messaggero, "i quattro partiti di governo se vanno al voto nei collegi uninominali perdono tutti". Dentro anche Renzi, quindi, "per competere nei collegi".

Nella stessa intervista Mastella lascia una finestra aperta anche al centrodestra: "Non ho chiuso con loro ma con Salvini. E' lui che ha detto mai con Mastella".

Quando il giornalista gli fa notare che anche il Movimento 5 Stelle aveva detto "mai con Mastella", il sindaco di Benevento prova a spiazzare tutti: "Allora devo aspettare che rinsavisca Salvini"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento