Politica

Qualità della Vita, Landella: “Foggia in difficoltà. Ripartiamo dall’aeroporto”

Il primo cittadino di Foggia commenta la classifica de ‘Il Sole 24 Ore’ che relega la provincia di Foggia al 105esimo posto, in terzultima posizione

Anche il sindaco Landella commenta la classifica sulla qualità della vita nelle province italiane stilate da ‘Il Sole 24 Ore’, che mostra in pieno le difficoltà che Foggia e la Capitanata stanno affrontando in larga parte dei parametri che vengono presi in considerazione dal quotidiano economico, a cominciare dall’ordine pubblico, che incide ancora profondamente sull’indice della vivibilità”

Landella commenta quindi i dati, impietosi, che relegano la Capitanata al 105esimo posto, il terzultimo nella classifica delle province italiane: “Mostrano con grande evidenza alcune difficoltà a cominciare dagli indicatori che si riferiscono alla sicurezza e all’ordine pubblico, dove la nostra provincia risulta essere ultima in particolare per reati di natura estorsiva ed al 93° posto per rapine”.

E aggiunge: “Un risultato che purtroppo conferma tutte le preoccupazioni che recentemente abbiamo trasmesso al Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, che il 18 dicembre sarà in città e che ha garantito una maggiore attenzione del Governo. Gli stessi risultati inerenti la velocità della giustizia, ad esempio, sono il frutto di una difficoltà di organici e di personale che finisce per incidere chiaramente anche su una “macchina giudiziaria”, quella di Foggia, che solo qualche anno fa è stata giudicata tra le più produttive d’Italia”.

Per la rinascita della provincia di Foggia e del capoluogo, il primo cittadino punta sull’ammodernamento delle Infrastrutture, a cominciare dal Gino Lisa: “Come in ogni classifica di questo tipo vanno poi considerati i parametri inerenti gli aspetti economici e di sviluppo. Il nostro territorio provinciale sconta, come è noto, una situazione economica difficile ed una condizione occupazionale di grandissima difficoltà. Da questo punto di vista, gli spunti offerti dalla graduatoria de “Il Sole 24 Ore” meritano una riflessione attenta ed una analisi approfondita da parte non soltanto della politica ma più in generale di tutta la classe dirigente della provincia di Foggia, cui spetta il compito di invertire la tendenza immaginando strategie di lungo periodo. In quest’ottica è imprescindibile una più intensa attività che riguardi l’ammodernamento infrastrutturale del territorio, condizione essenziale per attirare investimenti, determinare l’insediamento di nuove imprese e creare così nuova occupazione. Occorre cominciare a farlo partendo da alcune partite strategiche, come il pieno funzionamento dell’aeroporto “Gino Lisa”, per le quali è necessario costruire un fronte unitario delle forze sociali, economiche ed istituzionali della Capitanata”

Poi – per affrontare le criticità segnalata da ‘Il Sole 24 Ore’, Landella punta sul recupero di una visione di insieme e di sistema: “Vorrei però che ogni azione di autocritica, sia pure doverosa, tenesse conto delle straordinarie potenzialità della Capitanata, che abbiamo il dovere di valorizzare, di esaltare anche sul piano comunicativo e di “mettere a profitto”, creando le condizioni per un miglioramento diffuso della qualità della vita. Continuo infatti a credere che le difficoltà che viviamo debbano spingerci ad un nuovo e più intenso impegno e ad una più stretta collaborazione istituzionale e civica Solo nella misura in cui saremo in grado di cogliere la portata di questa sfida e della strategicità dello stare insieme su alcuni qualificanti obiettivi potremo cambiare rotta” conclude

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Qualità della Vita, Landella: “Foggia in difficoltà. Ripartiamo dall’aeroporto”

FoggiaToday è in caricamento