Diminuiscono i servizi e cresce il disagio sociale: pensionati nella morsa della crisi

Per la Cisl, è necessario "riportare al centro dell’azione politica la vita delle persone, riqualificando il sistema socio-sanitario ed i servizi pubblici”

Un momento dell'incontro

Diminuiscono i servizi e cresce il disagio sociale tra i pensionati foggiani. Non è positiva la “fotografia” foggiana tracciata dal Consiglio generale Fnp Cisl. La federazione si mobilita al fianco dei lavoratori alle prese con la crisi.

E' necessario, quindi, "riportare al centro dell’azione politica la vita delle persone, riqualificando il sistema socio-sanitario ed i servizi pubblici sul territorio”. Questo l’auspicio emerso dal Consiglio Generale della FNP CISL di Foggia, al quale sono intervenuti il segretario generale della Fnp Cisl di Foggia, Giuseppe Santelia; il segretario generale della Ust Cisl di Foggia, Emilio Di Conza; il segretario interregionale della Fnp Cisl, Vitantonio Taddeo; la segretaria nazionale della Fnp Cisl, Patrizia Volponi.

Nel corso dell’assemblea, è stata da più parti ribadita la necessità di mobilitarsi contro i tagli alle prestazioni pubbliche erogate e per ottenere servizi socio-sanitari più efficienti ed adeguati ai bisogni dei pensionati e di tutti i lavoratori. La Fnp Cisl sarà pertanto impegnata nei prossimi mesi, ad ogni livello territoriale, “per un progetto chiaro ed efficiente di 118 e pronto soccorso, per un nuovo modello organizzativo della medicina di prevenzione, per una rete di qualità della medicina territoriale e d il potenziamento dell’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata).

Inoltre, la federazione pensionati evidenzia “l’urgenza di una più efficace rete per la cura delle malattie oncologiche e l’altrettanto urgente necessità di abbattere le liste d’attesa per contrastare i viaggi della speranza”. Il sindacato dei pensionati della Cisl auspica altresì “un incremento dei fondi per i non autosufficienti vista la drammatica crescita delle persone incapienti a causa della crisi sociale ed economica degli ultimi anni.

La sanità pugliese si sta riducendo sempre più a privilegio per i benestanti”, secondo la Fnp Cisl, tanto che “sono sempre più numerosi i pensionati foggiani che rinunciano a curarsi non potendo far fronte alle spese sanitarie”. La federazione si attiverà “per un monitoraggio delle strutture anziani (RSA, RSSA, case di riposo), per il mantenimento delle guardie mediche nelle ore notturne e per una maggiore chiarezza nelle prescrizioni di farmaci e prestazioni specialistiche da parte del medico di base”. Pertanto, la Fnp Cisl di Foggia parteciperà alla manifestazione regionale, denominata “Le voci del disagio”, promossa da Spi Cgil, Fnp Cisl e Ui Pensionati di Puglia, che si terrà a Bari, martedì 5 luglio 2016, in Piazza San Ferdinando alle ore 17,30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento