menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidio Asl di via Grecia (Street Viewing)

Il presidio Asl di via Grecia (Street Viewing)

“Il presidio Asl di via Grecia non va chiuso”

E’ l’appello rivolto dal gruppo consiliare del Nuovo Centrodestra-Area Popolare al Comune di Foggia e del coordinamento cittadino del partito al direttore generale della Asl di Foggia

Il gruppo consiliare del Nuovo Centrodestra-AP al Comune di Foggia e il coordinamento cittadino mettono in guardia il direttore generale della Asl di Foggia rispetto alle “voci sempre più insistenti di una prossima, imminente chiusura del presidio sanitario dell’Asl di Via Grecia”. E avvertono: “Se confermate e veritiere, non esiteremmo a porre in essere tutte le iniziative necessarie per evitare una tale, improvvida decisione, gravida di conseguenze negative per l’intera vivibilità e sanità della città stessa, già inadeguata alla crescente domanda di salute e di prestazioni e servizi all’altezza delle esigenze e aspettative dei foggiani e delle persone provenienti da tutta la provincia.

L’NCD a Palazzo di Città ricorda a Piazzolla “che il suolo – di proprietà del Comune di Foggia – venne concesso senza onere alcuno per l’allora Azienda Sanitaria Fg/8 proprio a condizione che si realizzassero nuovi ambulatori in quell’area, alla luce dell’espansione edilizia e degli insediamenti urbanistici intervenuti in zona Macchia Gialla. Al punto che oggi tale presidio ha un bacino di circa 50mila utenti, e ha di fatto permesso un utile e necessario decentramento funzionale”

E ancora: “Piuttosto che chiudere e tagliare, bisognerebbe invece impegnare risorse per la creazione di nuove strutture ambulatoriali anche in zona Comparto Biccari: attuare politiche ben lontane dal paventato accentramento di tutti i servizi presso la sede di Piazza Libertà, che congestionerebbe ancor più il traffico cittadino, comporterebbe l’ulteriore aumento di disagi e inquinamento,  senza alcun risparmio significativo né per l’Azienda né tantomeno per l’utenza”

Alla luce di quanto esposto, gli esponenti del Nuovo Centrodestra ribadiscono l’assoluta contrarietà del gruppo consiliare al Comune di Foggia e del coordinamento cittadino del Nuovo Centrodestra-Area Popolare, appellandosi al sindaco Landella perché intervenga per scongiurare un’ulteriore mannaia sulla qualità della vita e della salute nel comune capoluogo

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento