rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Politica Manfredonia

Manfredonia e Cerignola al redde rationem: lo scioglimento dei due Comuni all'esame del Consiglio dei Ministri

Nel nutrito ordine del giorno del Cdm odierno compaiono anche gli scioglimenti dei consigli comunali per infiltrazioni mafiose. Tra questi, in attesa di "giudizio", vi sono i due enti foggiani

Manfredonia e Cerignola al redde rationem. Il Consiglio dei Ministri potrebbe esaminare oggi le relazioni prefettizie inviate a Roma, sul tavolo degli Interni, relative allo stato dei due Comuni per ciò che concerne possibili condizionamenti mafiosi della P.A. Gli scioglimenti degli enti sono all’ordine del giorno del Cdm in programma dalle 16.30, filtra da Roma. In caso di esito positivo, toccherà al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, firmare i decreti di scioglimenti dei consigli comunali dei due comuni foggiani. Si tratterebbe così del terzo e quarto comune sciolto per infiltrazioni mafiose in provincia di Foggia (dopo Monte Sant’Angelo e Mattinata). L’ordine del giorno del Cdm, convocato anzitutto sul Decreto Clima, è abbastanza nutrito. Il che non esclude che l’esame possa slittare. Si attendono aggiornamenti in questo senso.

Stando a quanto filtra in maniera riservatissima, sul tavolo del Cdm sarebbero giunte due relazioni prefettizie abbastanza “forti”. E’ questo il termine utilizzato. La valutazione finale spetterà al Cdm.

Ore di fibrillazione dunque nei Comuni di Manfredonia e Cerignola, il primo guidato fino a qualche tempo fa dal Pd Angelo Riccardi (poi dimessosi), il secondo dal civico di centrodestra Franco Metta. Diversa la “strategia” utilizzata dai due in questi mesi: se il primo ha tenuto un profilo basso e silenzioso sul punto, l’avvocato penalista di Cerignola ha inaugurato una stagione di comunicazione costante e quotidiana con la sua città, spesso e volentieri in contrasto con la Procura di Foggia, finalizzata ad esternare la "pulizia" e "trasparenza" del lavoro amministrativo.

Ora siamo alla battute finali di un percorso iniziato lo scorso 9 gennaio, con l’insediamento delle due commissioni di accesso agli atti nei due enti foggiani.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manfredonia e Cerignola al redde rationem: lo scioglimento dei due Comuni all'esame del Consiglio dei Ministri

FoggiaToday è in caricamento