Sfuma l'ipotesi ticket a San Severo: Caposiena verso la candidatura, Giuliani fuori. Cera incassa il vice

Forza Italia propone all'Udc la vicesindacatura ma con un altro nome. Cera: "Devo valutare con la mia segreteria". Quadra ad un passo. Si delinea lo scacchiere delle prossime elezioni comunali

Comincia a delinearsi il quadro politico a San Severo in vista della campagna elettorale di primavera. Il campo che più ha dato affanni è certamente quello del centrodestra, dove si contendono lo “scettro” della candidatura due donne e “figlie d’arte”: Rosa Rosalina Caposiena, Forza Italia, e Anna Paola Giuliani, assessore a Foggia con l’azzurro Landella ma “sponsorizzata” in quel di San Severo dalla locale Lega e dall’Udc di Angelo Cera.

Una sfida a due durata mesi, sulla quale ieri pare avrebbe avuto la meglio Caposiena, che, supportata dal segretario provinciale Raffaele Di Mauro, ha rivendicato con veemenza un’attività politica di anni svolta al servizio della città e sempre nello stesso partito, fedele al nome di Berlusconi, contestando “candidature calate dall’alto, frutto di alchimie politiche”.

Una divisione politica tra le due che non avrebbe consentito neanche di raggiungere l’ipotesi ticket, che pure era stata ventilata ma che sarebbe sfumata definitivamente nel vertice di ieri. Giuliani dovrebbe fare un passo indietro per evitare la rottura della coalizione.

Le forze politiche sarebbero pronte ad offrire la vicesindacatura a Cera, ma con altro nome, la Lega avrà la sua “compensazione” su altri comuni (vedi Torremaggiore, che va al voto). L’Udc avrebbe chiesto qualche ora di riflessione. Angelo Cera porterà la nuova proposta all’attenzione della locale sezione domenica pomeriggio. “Qualunque nome alternativo in queste ore è falso – tuona-, io continuo a perorare l’ipotesi Giuliani che mi pare vincente. Mi vogliono convincere che invece vincente sia Caposiena: mah, ho dei dubbi. E tuttavia, devo consultare la base del partito. Dovranno essere loro a dirmi se accettare o meno di fare un passo indietro su Giuliani e concorrere con un altro nominativo”. Così il commissario provinciale dello scudocrociato a Foggiatoday. Mentre dalle parti di Caposiena si comincerebbe già ad esultare.

Ancora qualche giorno, dunque, e il quadro dovrebbe essere più chiaro. E’ già chiarito dalle parti dell’uscente Miglio, che corre col Pd (e potrebbe tirare dentro anche liste civiche e delusi di altri fronti, vedi proprio il centrodestra, iniezioni che lo rafforzerebbero), l’outsider Nazario Tricarico, il candidato del M5S Gianfranco Di Sabato (che deve difendersi da diversi mal di pancia in seno agli attivisti).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

Torna su
FoggiaToday è in caricamento