Politica

Scontri CasaPound, Prc: “Liberare giovani arrestati”

“Riteniamo fantasiosa e sproporzionata la ricostruzione di quanto avvenuto all'apertura del ritrovo neofascista denominato CasaPound”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Siano noi quelli preoccupati per l’escalation della violenza da parte di frange della destra neofascista. Vogliamo ricordare al neo dirigente della DIGOS che dall’autunno è un‘escalation di provocazioni, minacce e aggressioni perpetrate da neofascisti, che queste sono avvenute anche alla presenza di agenti della DIGOS, come in occasione di una manifestazione di studenti davanti al Liceo Lanza, e che altre aggressioni sono state segnalate prontamente agli uffici della DIGOS di Foggia, come il lancio di sassi contro le vetrate della Federazione Provinciale di Rifondazione Comunista avvenuto alla fine dello scorso dicembre" dichiara Giorgio Cislaghi del Prc.

"Ricordiamo anche che, sempre da squadristi neofascisti, in più occasioni durante le manifestazioni degli studenti, sono state bruciate sia bandiere rosse che bandiere dell’UDS, e di questo sono sempre stati informati i funzionari della DIGOS in servizio. L’ultima aggressione da parte di squadristi fascisti è avvenuta pochi giorni fa in piazza Puglia quando squadristi hanno aggredito e picchiato giovani appartenenti al Filorosso. Tutto questo è avvenuto senza che mai vi sia stata risposta alle provocazioni fasciste, quelle che il dirigente della questura definisce “tiepidi dissapori, solo verbali”, e non ci stupiamo se qualcuno ha ritenuto giusto manifestare rumorosamente, con il lancio di un petardo, contro l’apertura di un luogo di ritrovo e organizzazione per elementi universalmente riconosciuti come neofascisti razzisti."

"Consideriamo l’apertura di un covo di CasaPuond una provocazione contro la società civile e tollerante, com’è la comunità foggiana, e ci associamo alle richieste di messa fuorilegge di questa organizzazione che annovera tra i suoi militanti anche il killer dei giovani senegalesi avvenuto a Firenze a numerosi squadristi responsabili di aggressioni nei confronti di militanti di Rifondazione Comunista come quella avvenuta a Ostia nella notte di giovedì scorso.Chiediamo alla magistratura di considerare per quello che è stata, una rumorosa protesta, la manifestazione spontanea contro l’apertura della sede di CasaPound e di rimettere prontamente in libertà i giovani arrestati come chiediamo alla DIGOS di prestare la dovuta attenzione al fenomeno dello squadrismo neofascista e razzista" concludo gli esponenti del circolo Che Guevara

 

 

 

 

 

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri CasaPound, Prc: “Liberare giovani arrestati”

FoggiaToday è in caricamento