Troppi detenuti e carenza di personale, la grave situazione del carcere di Foggia: "Quadro preoccupante"

L'allarme del vicepresidente del Consiglio Regionale Gatta, che martedì prossimo parlerà con il Garante: "Se la pena deve avere funzione rieducativa devono esserci le condizioni strutturali perché ciò avvenga"

“Ho visitato il carcere di Foggia e devo ammettere di aver vissuto un’esperienza toccante, per l’ennesima volta, perché se la pena deve avere una funzione rieducativa, devono esserci anche le condizioni strutturali perché ciò avvenga”, è quanto dichiara in una nota il vicepresidente del Consiglio regionale Giandiego Gatta.

“Il carcere foggiano ospitava, qualche giorno fa, in occasione della mia visita, ben 637 detenuti a fronte di 362 che andrebbero ospitati secondo la normativa. Ho potuto verificare le condizioni di vita all’interno della struttura, constatando, purtroppo, l’assenza di luoghi adeguati alla funzione riabilitativa e risocializzatrice della pena ed altre, gravi, criticità. 

Per questo, ho scritto al Garante dei Detenuti, ritenendo improcrastinabile un’azione condivisa per migliorare le condizioni di vita di chi sta scontando la sua pena. Inoltre, c’è un’altra emergenza: la carenza di personale penitenziario. Basti pensare che, in base alla popolazione carceraria, a Foggia occorrerebbero almeno 50 unità in più, senza considerare che, entro il 2020, circa ventotto agenti andranno in pensione.

Si tratta di personale costretto a turni di lavoro massacranti pur di garantire la sicurezza all’interno del carcere. Non solo: a Trani, per esempio, dove i detenuti sono circa la metà, c'è un numero di educatori pari ad oltre il doppio rispetto a Foggia, in cui ce ne sono soltanto 4, dei quali due a tempo pieno e gli altri part-time.

A Verona, la casa circondariale che ha circa cinquecento detenuti (quindi in numero sensibilmente inferiore a Foggia) ha però un organico delle forze di polizia penitenziaria pari quasi al doppio dell'istituto foggiano. Tanto basta a disegnare un quadro preoccupante, che abbraccia più aspetti. Di tanto parlerò con il Garante, che ringrazio per la disponibilità, in occasione dell'incontro già fissato per martedì 17 settembre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

  • Coronavirus: 30 morti e un contagiato su quattro in Puglia. I nuovi positivi sono 1100 su appena 4100 tamponi

  • Qualità della Vita, Foggia sprofonda all'ultimo posto: ItaliaOggi premia Pordenone

  • Addio al dott. Michele Urbano, la Capitanata piange la scomparsa di un professionista "serio e laborioso"

  • Omicidio tra Manfredonia e Foggia: ucciso 38enne, morto poco dopo il suo arrivo in pronto soccorso

Torna su
FoggiaToday è in caricamento