menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Andrea Caroppo

Andrea Caroppo

Saltano gli accordi, il nome di Altieri spacca la Lega in Puglia. L'on. Caroppo: "Non è lui il candidato giusto"

Andrea Caroppo vuota il sacco sul partito della Lega in Puglia. La candidatura di Nuccio Altieri a candidato presidente della Regione Puglia da parte del segretario regionale Luigi D'Eramo fa arrabbiare il parlamentare salentino

Non è tutto oro quello che luccica in casa Lega. La lettura delle dichiarazioni di Andrea Caroppo non fa una piega. Gli accordi sono saltati. Il partito di Salvini in Puglia è spaccato. E non lo è da alcune ore se è vero che, il confronto sull'organizzazione del partito e sulla modalità di individuazione della candidatura per le prossime elezioni regionali che si è svolto il 15 maggio a Bari, in alcuni momenti è stato "anche duro".

Parola di Caroppo: "Io, insieme a molti amministratori e dirigenti della Lega non condividiamo l'organizzazione del partito". E fa sapere che al termine dell'incontro "si era convenuto di non rilasciare dichiarazioni nè comunicati ufficiali" sull'indicazione di un candidato presidente".

Così non è stato. Il segretario regionale Luigi D'Eramo ha invece indicato in Nuccio Altieri la candidatura "migliore" a presidente della Regione Puglia.  Motivo, questo, che ha spinto l'onorevole salentino a dare voce pubblicamente a tutti coloro i quali - "e sono tanti" - non troverebbero corretto l’agire del gruppo dirigente "che non rispecchia la reale composizione della Lega sul territorio, anche per come emersa nel corso dell’ultima tornata elettorale di un anno fa."

E ancora, aggiunge Caroppo, "se la Lega davvero vuole scegliere un candidato presidente da proporre alla coalizione ed in grado di vincere, deve cambiare metodo e sceglierlo basandosi su criteri opposti a quelli richiamati nella nota stampa del commissario regionale. Un candidato vincente deve essere riconoscibile, autorevole, e deve avere reale radicamento territoriale e consenso personale, altrimenti - come ci ha ricordato Salvini nella sua ultima presenza in Puglia - deve essere espressione della società civile. Nel caso di Altieri mancano tutte queste caratteristiche. Se, invece, il gioco di qualcuno è quello di provare a favorire Emiliano spaccando il centrodestra con l'indicazione di una candidatura totalmente inadeguata, dobbiamo avere la forza ed il coraggio di denunciarlo pubblicamente perché non vogliamo essere complici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La storia di Giuseppe Sciarra, regista foggiano vittima di bullismo omofobico quando era bambino: "Per i miei coetanei me lo meritavo"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento