Saltano gli accordi, il nome di Altieri spacca la Lega in Puglia. L'on. Caroppo: "Non è lui il candidato giusto"

Andrea Caroppo vuota il sacco sul partito della Lega in Puglia. La candidatura di Nuccio Altieri a candidato presidente della Regione Puglia da parte del segretario regionale Luigi D'Eramo fa arrabbiare il parlamentare salentino

Andrea Caroppo

Non è tutto oro quello che luccica in casa Lega. La lettura delle dichiarazioni di Andrea Caroppo non fa una piega. Gli accordi sono saltati. Il partito di Salvini in Puglia è spaccato. E non lo è da alcune ore se è vero che, il confronto sull'organizzazione del partito e sulla modalità di individuazione della candidatura per le prossime elezioni regionali che si è svolto il 15 maggio a Bari, in alcuni momenti è stato "anche duro".

Parola di Caroppo: "Io, insieme a molti amministratori e dirigenti della Lega non condividiamo l'organizzazione del partito". E fa sapere che al termine dell'incontro "si era convenuto di non rilasciare dichiarazioni nè comunicati ufficiali" sull'indicazione di un candidato presidente".

Così non è stato. Il segretario regionale Luigi D'Eramo ha invece indicato in Nuccio Altieri la candidatura "migliore" a presidente della Regione Puglia.  Motivo, questo, che ha spinto l'onorevole salentino a dare voce pubblicamente a tutti coloro i quali - "e sono tanti" - non troverebbero corretto l’agire del gruppo dirigente "che non rispecchia la reale composizione della Lega sul territorio, anche per come emersa nel corso dell’ultima tornata elettorale di un anno fa."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora, aggiunge Caroppo, "se la Lega davvero vuole scegliere un candidato presidente da proporre alla coalizione ed in grado di vincere, deve cambiare metodo e sceglierlo basandosi su criteri opposti a quelli richiamati nella nota stampa del commissario regionale. Un candidato vincente deve essere riconoscibile, autorevole, e deve avere reale radicamento territoriale e consenso personale, altrimenti - come ci ha ricordato Salvini nella sua ultima presenza in Puglia - deve essere espressione della società civile. Nel caso di Altieri mancano tutte queste caratteristiche. Se, invece, il gioco di qualcuno è quello di provare a favorire Emiliano spaccando il centrodestra con l'indicazione di una candidatura totalmente inadeguata, dobbiamo avere la forza ed il coraggio di denunciarlo pubblicamente perché non vogliamo essere complici".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Straordinario traguardo in Puglia: dal tampone di paziente foggiano isolato e sequenziato genoma di due virus Sars Cov 2

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Paura in un negozio di abbigliamento: titolare reagisce ai banditi armati, ferito alla testa nella colluttazione

Torna su
FoggiaToday è in caricamento