Politica

In Capitanata il Partito Democratico continua a perdere pezzi

Paolo Campo ordina l'espulsione dei consiglieri firmatari della sfiducia a Gennaro Giuliani. Gaetano Cusenza: "Voglio ricordare di aver già aderito da un pezzo ad Api"

Non c’è tregua per il Pd in Capitanata. Dopo la firma dei consiglieri in quota Pd sul documento di sfiducia al sindaco Gennaro Giuliani di San Giovanni Rotondo, la segreteria provinciale ha proposto l’espulsione dei dissidenti, compresa quella di Gaetano Cusenza, consigliere provinciale e firmatario del “No Giuliani sindaco”.


Al comune di Foggia il Partito Democratico ha perso altri due pezzi, Claudio Sottile e Paolo De Vito. Il consigliere Cusenza, dopo la visita di Francesco Rutelli del mese scorso nel paese di Padre Pio, non si scompone e afferma di non capire le ragioni di Paolo Campo, ricordando di essere già passato nell’Api da un po’ di tempo.
 

Dalla segreteria provinciale il diktat di Campo solleva i dubbi sulla compattezza del partito di centrosinistra di maggioranza relativa. Dopo il passaggio di alcuni veterani nel partito di Vendola, di Fini e di Casini, l’obiettivo degli ex Pd sembra essere Alleanza per l’Italia.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Capitanata il Partito Democratico continua a perdere pezzi

FoggiaToday è in caricamento