M5S in piazza per il referendum sulla legge elettorale: "I motivi della nostra scelta"

I pentastellati in strada, in corso Vittorio Emanuele, per informare e chiedere ai cittadini di partecipare alla raccolta firme per la presentazione dei quesiti

M5S in piazza

Movimento 5 Stelle in primissima linea per i Referendum sulla legge elettorale, e appoggia anche i comitati in quelli sociali. Per questo sabato, 28 maggio, infatti, i pentastellati saranno in strada, a Foggia, lungo corso Vittorio Emanuele dalle 18:00 alle 20.00, per informare e chiedere ai cittadini di partecipare alla raccolta firme per la presentazione dei quesiti

I pentastellati, quindi, fanno il punto sui referendum e ricordano che con i due referendum abrogativi sul cosiddetto Italicum si chiede l'eliminazione del premio di maggioranza. “Un autentico doping dei risultati elettorali - commentano i cinquestelle - che consente a un partito che al primo turno prenda una percentuale anche inferiore al 20 per cento dei voti di essere maggioranza parlamentare con il ballottaggio”.

In merito al secondo quesito, quello per l’abrogazione dei capilista bloccati, commentano: “Riguarda un vecchio vizio della politica: quello di nominare i propri fedelissimi per far sì che invece di guardare ai bisogni e alle esigenze dei cittadini, si guardi sempre agli ordini delle segreterie dei partiti e alle lobby che rappresentano. Il Pd con la nuova legge elettorale ha replicato i vizi del "porcellum", nonostante la bocciatura da parte della Corte costituzionale”.

E sul referendum di ottobre, che riguarderà la riforma costituzionale, dichiarano: “Insieme alla legge elettorale rappresenta il completamento del piano per mettere le mani sull’Italia e trasformarla, senza aver chiesto nulla ai cittadini, da una repubblica parlamentare in una dittatura dell'uomo solo al comando. Per questo saremo in prima fila anche per dire NO a questa scellerata opera di stravolgimento della Costituzione Italiana”.

Per quanto riguarda i referendum sociali invece, con sei quesiti riguardanti petrolio, inceneritori e scuola, dal Movimento 5 Stelle fanno sapere che “appoggeremo e sosterremo la raccolta firme promossa dai comitati del territorio per restituire voce ai cittadini e correggere le storture di alcuni dei provvedimenti peggiori a cui il MoVimento 5 Stelle si è opposto con tutte le sue forze: scuola, inceneritori e trivelle”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento