3400 domande per i buoni spesa, restano ancora 1,2 milioni da distribuire. Fatigato: "Mancano barriere anticontagio"

Fino ad ora sono 3400 le domande complessive pervenute al comune di Foggia di cui 1400 circa quelle esaminate e 400 buoni spesa in fase di assegnazione. Il consigliere pentastellato: "Come l’amministrazione affronterà la fase due?"

Foto da Facebook

Il consigliere cinquestelle al Comune di Foggia, Giuseppe Fatigato, che sta seguendo il lavoro della amministrazione comunale per l’erogazione delle risorse messe a disposizione dal Governo e dal fondo di solidarietà per fronteggiare l’emergenza, fa il punto sul lavoro svolto dalla macchina amministrativa locale per la distribuzione dei buoni spesa in favore dei cittadini che versano in condizioni economiche al limite.

Fino ad ora sono 3400 le domande complessive pervenute al comune di Foggia di cui 1400 circa quelle esaminate e 400 buoni spesa in fase di assegnazione. Al milione e 142mila euro erogati dal governo Conte, si aggiungono i 450mila euro messi a disposizione dal fondo di solidarietà del comune per un totale di circa 1milione e 500mila euro da utilizzare, di cui 350mila utilizzati.

“In attesa di un confronto con il primo cittadino ed i gruppi consiliari, che invochiamo da tempo e che ci auguriamo possa riprendere in tempi brevi anche grazie agli strumenti di videoconferenza che andranno attivati, ci chiediamo come l’amministrazione intenda affrontare la fase due, considerando che dalle risorse economiche utilizzate resteranno oltre 1,150.000 euro da distribuire tra i cittadini con difficolta economiche". "

Constatiamo che il lavoro che sta svolgendo l’assessorato alle Politiche sociali procede con assiduità e scrupolo ma verifichiamo con grande stupore e preoccupazione per l’assenza di barriere anti-contagio presso gli uffici comunali di corso Garibaldi e nelle sedi circoscrizionali del Cep e di Candelaro, questo espone a seri rischi la salute dei dipendenti, con un lungo flusso di richieste per la compilazione e la consegna dei moduli per accedere ai buoni spesa”, denuncia.

Inoltre, il consigliere pentastellato Fatigato, fa l’appello ai cittadini foggiani invitando quanti non abbiano ancora percepito lo stipendio della cassa integrazione, disposto dal governo, a fare domanda dei buoni spesa poiché non sono esclusi dalle risorse erogabili dal comune. “Abbiamo notato che c’è ancora tanta confusione e molti cittadini, pur avendo diritto, non hanno fatto domanda per accedere alle risorse”, spiega.

“Siamo complessivamente soddisfatti di come stia lavorando l’amministrazione comunale, specie presso la sede delle Politiche sociali, dove ci sono 15 operatori a smaltire le domande, senza grossi intoppi né code agli sportelli ”, aggiunge Fatigato, “continieremo a seguire il lavoro della macchina amministrativa, anche nel ruolo di controllori, per verificare che tutto si svolga con la massima trasparenza, nel rispetto delle regole e nell’interesse delle fasce deboli. E attendiamo - quanto prima - risposte dal primo cittadino per proporre idee su un terreno di confronto costruttivo nel rispetto della partecipazione democratica e per evidenziare i bisogni e necessità dei cittadini che ci hanno chiamati a rappresentarli.  Specie in questo momento di grande emergenza sociale, oltre che sanitaria, in cui dobbiamo impegnarci tutti a fare fronte comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Puglia in zona gialla 'rinforzata' fino al 15 gennaio: cosa è concesso fare (e cosa no)

Torna su
FoggiaToday è in caricamento