Buche stradali e semafori spenti duri ostacoli per gli automobilisti foggiani

Vincenzo Rizzi, Marcello Sciagura e Giorgio Cislaghi evidenziano i problemi della città in merito al rifacimento di strade e strisce, alla segnaletica stradale e alla mancata manutenzione

Immagine di repertorio

E' passato un anno dall'insediamento di Landella a Palazzo di Città, ma nonostante le rassicurazioni fatte in campagna elettorale, le stato delle strade e della segnaletica - semafori compresi - al momento non sembra sorridere agli automobilisti. I consiglieri comunali Vincenzo Rizzi e Marcello Sciagura - coadiuvati dal portavoce del circolo 'Che Guevara' Giorgio Cislaghi - fanno notare come "dopo un avvio in pompa magna del piano per la riparazione delle buche stradali, sembra che queste siano tornate a prendere il sopravvento: ad ogni pioggia se ne aprono di nuove, anche tra quelle chiuse".

E avanzano dubbi circa la qualità dei lavori e dell'asfalto utilizzato, oltre al mancato intervento di chiusini, caditoie e tombini su viale Fortore: "Resta ancora critica la situazione agli ingressi del sottopasso ferroviario per la mancata manutenzione delle griglie per il raccoglimento dell’acqua piovana in quanto la mancata pulizia, in particolare delle griglie poste all’altezza dei semafori di viale Fortore e via Scillitani, facilita l’allagamento del sottopasso mentre il dislivello obbliga a brusche frenate per non mettere a dura prova le sospensione delle macchine.

Rizzi, Sciagura e Cislaghi aggiungono: "Restando su questo breve tratto di strada sono inspiegabili le fessure che si sono formate solo dopo pochi mesi dal rifacimento. Di queste problematiche, presenti sin dal mese di febbraio, non c’è traccia nella relazione di fine lavori che attesta la bontà dei lavori eseguiti e pagati"

Agli irrisolti problemi degli asfalti stradali si aggiungono quelli derivanti dalla mancata manutenzione della segnaletica stradale, a partire dagli impianti semaforici fissi sulla luce lampeggiante gialla, ad esempio in piazza Cavour oppure all’incrocio tra viale Michelangelo e viale Colombo. "Questi impianti - proseguono - sono fuori uso non per per una “migliore gestione del traffico”, come affermato dallo staff del sindaco, ma perché questa amministrazione non ha ancora provveduto a indire la gara per il rinnovo dell’affidamento della manutenzione alla segnaletica stradale"

E incalzano sulla questione, sentita e delicata: "Altra conseguenza di questa omissione è la quasi totale scomparsa della segnaletica orizzontale dalle strade, strisce pedonali e strisce bianche". E ancora: "Resta senza spiegazioni perché nessuno contesti agli esecutori dei lavori l’assenza dell’unico sommario requisito richiesto per la verifica dei lavori: “la vernice dovrà essere tale da aderire tenacemente a tutti i tipi di pavimentazione, dovrà avere buona resistenza all’usura, sia provocata dal traffico che dagli agenti atmosferici, e dovrà presentare un’alta visibilità e/o rifrangenza”.

Per evitare facili contenziosi, i consiglieri comunali e l'esponente di sinistra, chiedono di spostare il segnale di preavviso di controllo della velocità con autovelox posto nelle immediate vicinanze della scuola Dante Alighieri, poiché parzialmente/totalmente coperto dalle chiome degli alberi: "Pochi metri dopo il segnale occultato dalla vegetazione, c’è uno dei posti stabiliti per il controllo della velocità, cosa costa spostare il segnale per renderlo ben visibile, come prescrive il codice della strada, evitando i ricorso degli automobilisti multati al Giudice di Pace? Forse è il caso che il sindaco, titolare della delega alla Polizia Municipale, provveda a sollecitare l’annullamento delle multe in autotutela".

E poi ancora: "Altro caso è quello del semaforo posto all’incrocio tra corso del Mezzogiorno e via Smaldone, in direzione Foggia centro, che risulta “sempre verde” per le chiome degli alberi che spesso impediscono la visuale delle luci del semaforo"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Concludono Rizzi, Cislaghi e Sciagura: "Se il miglioramento della disastrosa situazione delle strade foggiane era la priorità di questa amministrazione registriamo che, anche dopo due rimpasti di giunta, non è stato raggiunto l’obbiettivo e, anzi, la situazione è notevolmente peggiorata con i conseguenti disagi per i cittadini"

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Foggia usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento