Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Forzanovisti e residenti protestano a Borgo Mezzanone: “Chiudere il Cara”. Petizione anti-moschea

Ieri protesta dei militanti di Forza Nuova dopo lo scippo compiuto da un extracomunitario ai danni di un’anziana signora

 

“Se il Borgo non ci ridate saranno barricate”. Così nel tardo pomeriggio di ieri ha avuto inizio a Borgo Mezzanone la manifestazione promossa da Forza Nuova Manfredonia alla presenza del segretario nazionale Roberto Fiore. Militanti e residenti del posto hanno bloccato la strada in segno di protesta contro lo scippo compiuto da un extracomunitario ai danni della signora Anna.

FN chiede al questore e al prefetto la chiusura del Cara e del campo abusivo adiacente perché – dicono – “non sono rispettate le norme igienico-sanitarie, è centro di vaste attività delinquenziali quali spaccio, furti  e prostituzione, fornisce manodopera per il caporalato paragonabile al più ignobile schiavismo, è luogo di radicalizzazione islamista.

Durante la manifestazione sono state presentate due petizioni, tra cui quella sottoscritta per scongiurare la costruzione di una moschea. I forzanovisti hanno ribadito “la ferma intenzione di dare ai residenti del Borgo supporto fisico ad ogni azione legale dei residenti del Borgo ed in extrema ratio anche a nuovi blocchi se la cittadinanza li metterà in essere”.

“Se lo stato continuerà a latitare purtroppo si apriranno altri scenari e Forza Nuova sarà con i residenti nelle strade del borgo” hanno fatto sapere i militanti del movimento. Il segretario regionale di Forza Nuova Carlucci Domenico in un duro intervento ha stigmatizzato “il ruolo antipopolare che alcune associazioni locali  del borgo coinvolte nel business dell’accoglienza pongono in essere danneggiando ulteriormente la popolazione locale”.

Dall’anno scolastico prossimo inoltre saranno denunciate al provveditorato agli studi ed al ministero della pubblica istruzione alcune irregolarità che secondo i residenti si sono verificate quest’anno in termini di violazioni igienico sanitarie che avrebbero messo a repentaglio la salute dai bambini.

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento