Gatta replica ad Emiliano: “E’ stato il governo regionale a voler ridimensionare gli ospedali di base”

Il vicepresidente del Consiglio regionale risponde a Michele Emiliano secondo il quale non si può cambiare una legge nazionale che il nostro piano di riordino deve rispettare

Giandiego Gatta

Parere negativo della commissione Sanità sul piano di riordino ospedaliero. Decisivo il voto del consigliere regionale di Manfredonia, Paolo Campo, ma Emiliano frena: Le esigenze localistiche, pur apprezzabili, non possono cambiare una legge nazionale che il nostro piano di riordino deve rispettare”.

Sulla questione interviene il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta: "Quanto sostenuto da Emiliano sulla ennesima bocciatura del Piano di Riordino non risponde a vero: la legge nazionale a cui fa riferimento non prevede affatto che gli ospedali di base, nel caso di specie Manfredonia (unico ospedale di base della Capitanata), debbano essere dotati solo di "strutture semplici". È  stato, invece, proprio il governo regionale, inseguendo probabilmente il progetto perverso di sventramento del nosocomio sipontino, a prevedere tale disposizione all'art. 3 comma 6 della Delibera del 20 novembre 2016".

Prosegue l’esponente di Forza Italia: "Il presidente Emiliano finge di non sapere che il famigerato Decreto Ministeriale 70 del 2015 prevede, invece, che anche per gli ospedali di base possa e debba essere prevista la presenza delle strutture complesse, soprattutto per quelle già esistenti che abbiano una produttività e/o un numero di ricoveri superiori alla media”

Infatti, il citato DM 70/15 dispone: "Il bacino di utenza della singola disciplina è stato calcolato sulla base delle patologie normalmente trattate dalla disciplina, della frequenza delle patologie nella popolazione e della numerosità minima di casi per motivare un reparto ospedaliero con un Direttore di struttura complessa".

Conclude Gatta: “Nessun riferimento, quindi, all'ospedale di base, che nell'intento di qualcuno dovrebbe diventare, poco più  o poco meno, un poliambulatorio, bensì ad altri criteri enunciati dalla legge nazionale. Pertanto  il governatore Emiliano non può che imputare a se stesso ed alla sua Giunta la responsabilità del fallimento di questo ennesimo piano di riordino. Chi semina vento, raccoglie tempesta!"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento