Biblioteca provinciale, Landella a Piemontese: "Solo promesse, ma i fatti?"

Il sindaco di Foggia va all'attacco dell'assessore regionale al Bilancio, Raffaele Piemontese. Non risparmia critiche a Miglio. Landella favorevole all'idea del ministro Franceschini

Franco Landella

A sentire le parole del sindaco di Foggia, sembrerebbe che le promesse e gli impegni assunti dell’assessore regionale sul futuro della biblioteca provinciale di viale Michelangelo, non si siano tradotti in fatti concreti: “Con rammarico sono costretto a constatare che ad oggi nulla di ciò che è stato promesso ha trovato concreta realizzazione e la nostra biblioteca sembra avviarsi mestamente verso un futuro di ridimensionamento significativo in termini di numero e qualità dei servizi erogati alla comunità della provincia di Foggia”

Franco Landella evidenzia come i dipendenti della ‘Magna Capitana’ e le loro famiglie, stiano vivendo esattamente “lo stesso travaglio dei mesi scorsi, senza che vi sia stato un solo passo in avanti verso gli obiettivi che Piemontese aveva indicato in modo imperativo, peraltro - sempre secondo il sindaco - in aperta polemica con coloro i quali (compreso il direttore della Biblioteca Provinciale, Franco Mercurio) - avevano la sola colpa di avanzare perplessità e preoccupazioni circa la reale fattibilità del “salvataggio” de “La Magna Capitana” e conseguentemente dell’intera platea dei suoi dipendenti annunciato dall’assessore regionale al Bilancio”.

LA REGIONE RISPONDE AL SINDACO DI FOGGIA

La riflessione del primo cittadino del capoluogo dauno si sviluppa, sostiene, “nella profonda convinzione che attorno al destino della Biblioteca Provinciale, messo in discussione dalle sciagurate conseguenze della riforma “Delrio”, fosse necessario ieri e sia ancor più necessario oggi usare parole di verità, senza alimentare aspettative o speranze che corrano il rischio di essere deluse”.

Franco Landella salva invece il comportamento di Leo Di Gioia: “All’esito della riunione congiunta dei consigli comunale e provinciale dedicata proprio a questa vicenda, ebbi modo di apprezzare il profilo tenuto sulla questione dall’assessore regionale alle Politiche Agricole, Leonardo Di Gioia, il quale in quella sede evitò facili assicurazioni preferendo dimostrare correttamente un atteggiamento più pragmatico e coerente con le reali prospettive di lavoro del governo regionale. Un profilo che non tutti hanno considerato doveroso adottare nel rispetto delle lavoratrici e dei lavoratori in ansia per il futuro della struttura”.

Il sindaco di Foggia bacchetta invece Miglio: “Allo stesso modo devo constatare con rammarico che gli organi di vertice politico della Provincia di Foggia, l’Ente che più di ogni altro dovrebbe avere a cuore il destino della Biblioteca “La Magna Capitana”, pare non abbiamo avvertito il dovere di inserire questo tema in cima alla loro agenda delle priorità politiche, facendola scivolare rapidamente in fondo al cassetto”.

Il presidente della Provincia però si difende: “Sono meravigliato dalle dichiarazioni del collega Franco Landella sul futuro della Biblioteca Provinciale “La Magna Capitana” un patrimonio dell’intera collettività dauna. Fino ad oggi avevamo fatto un percorso comune,  sfociato nelle assemblee consiliari congiunte di Provincia e Comune di Foggia. Uno sforzo importante per trovare soluzioni accettabili e condivise. Noi non ci siamo mai fermati. La Biblioteca “La Magna Capitana” è una priorità assoluta per l’Ente Provincia. Nessun tentennamento, prosegue la nostra azione poltica ed ammnistrativa per dare un futuro certo ad una istituzione culturale di grande pregio. Stiamo continuando il confronto con la Regione Puglia e il Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo. In una fase così delicata, dovremmo centuplicare le forze tutti insieme, per trovare una soluzione adeguata, anziché spenderci in inutili e sterili polemiche”.    

  

Aggiunge Landella: “Un atteggiamento inspiegabile, perché l’Amministrazione provinciale avrebbe dovuto essere in prima fila non soltanto nel sollecitare la Regione Puglia a chiarire in modo puntuale la sua strategia operativa ma anche nel richiedere la promozione dell’apertura di quel tavolo di confronto con il Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo finalizzato a dare corso ad una “statalizzazione” della Biblioteca Provinciale. Percorso, questo, che i parlamentari Michele Bordo e Colomba Mongiello avevano ipotizzato ed al quale avevano lavorato e sul quale le assemblee consiliari di Comune e Provincia si erano espresse favorevolmente in modo ufficiale e formale”.

Il sindaco di Foggia conclude con l’endorsement all’idea del ministro Franceschini: “Oggi, dunque, è tempo di abbandonare la fase delle promesse affinché innanzitutto la Regione Puglia apra, finalmente, quella della concretezza sul piano delle azioni da mettere in campo. Da questo punto di vista torno a rimarcare come la strada dell’intesa con il Ministero guidato da Dario Franceschini appaia al momento l’unica realmente percorribile e come, in quest’ottica, sia urgente imprimere una netta accelerazione, evitando che questo ritardo renda impraticabile l’opzione migliore, più concreta e con la più larga condivisione politico-istituzionale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento