Politica

Ataf, un perplesso Fiore a De Martino: "Perché due bandi di gara?"

Alfonso Fiore, consigliere comunale del Nuovo Centrodestra, chiede chiarimenti al delegato alle società partecipate, Salvatore De Martino, sull'espletamento dei due bandi di gara

Il consigliere comunale Alfonso Fiore fa le pulci all'Ataf e al Comune di Foggia, formulando una serie di interrogativi sui due bandi di gara: il primo relativo "all'affidamento del servizio di somministrazione di lavoro con contratto a tempo indeterminato per gli addetti alla gestione della sosta tariffata su strada"; mentre l'altro "all'affidamento dal 1 luglio 2015 al 31 dicembre 2020 dei servizi di controllo delle aree di sosta a pagamento su strade nel territorio del comune di Foggia e di altri servizi, da svolgersi con personale con qualifica di ausiliare del traffico e con altro personale con la qualifica di operatore generico".

Chiede il vicecapogruppo in Consiglio comunale del Nuovo Centrodestra.

1. Perché la stazione appaltante ATAF S.p.A., ha deciso di formulare un primo bando di gara il cui affidamento del servizio è rivolto alle sole agenzie interinali, mentre il secondo bando è aperto a tutti i soggetti (aziende/imprese) visto che entrambi i bandi hanno ad oggetto l’espletamento dello stesso servizio in questione? Del resto le funzioni attribuite alle figure professionali richieste, ossia agli ausiliari del traffico e agli operatori generici, risultano essere esattamente identiche.

2. Perché il bando di gara riservato ad aziende o imprese private riporta la dicitura di “altri servizi”? Quali sono questi ulteriori servizi che vengono richiesti nell’appalto rivolto ai privati, rispetto ai servizi indicati nel bando rivolto alle agenzie di lavoro temporaneo, tali da poter giustificare la decisione presa dall'azienda dei trasporti di indire due differenti gare di appalto a questo punto simili ma non uguali?"

3. Se il personale da assumere per lo svolgimento del servizio oggetto delle due gare è stato preventivamente individuato dal Comune di Foggia (coinvolge in entrambi i bandi circa 90 unità di personale tra Addetti ai servizi ausiliari per la mobilità e operatori generici) ai sensi della delibera del Consiglio comunale n. 75 del 30 novembre 2010 e ss.mm., perché indire anche un bando rivolto alle agenzie interinali per il servizio in questione da appaltare visto che la stazione appaltante non ha esigenza di ricercare ulteriori unità lavorative? Del resto esso comprende unicamente il servizio di somministrazione di lavoro e non riguarda l’attività di ricerca e selezione di personale"

4. "Perché nel capitolato speciale d’appalto a corredo del bando diretto alle aziende private, alla voce “Modalità di espletamento del servizio”, al punto 2, viene specificato che: “i pedaggi dei parcheggi Zuretti, V. Russo e Ginnetto risultano essere di spettanza di ATAF S.p.A. ed andranno riservati ad ATAF S.p.A. entro il giorno successivo”, cosa questa che però non risulta essere specificata nel capitolato speciale d’appalto del bando rivolto alle agenzie interinali?

Fiore sollecita il delegato alle società partecipate, il consigliere comunale Salvatore De Martino, a fornire i dovuti chiarimenti, "visto che - conclude - da parte sua non c’è stata nessuna risposta".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ataf, un perplesso Fiore a De Martino: "Perché due bandi di gara?"

FoggiaToday è in caricamento