Tatarella, Tarsu: "Aumento inevitabile, ma Immondizia come a Napoli"

"È troppo chiedere che ai salati esborsi dei cittadini corrisponda un livello minimo di decenza del servizio offerto?"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"La costante vessazione dei cittadini pugliesi, che alla voracità fiscale dello Stato devono sommare le addizionali Irpef di Regione e Comuni, prosegue a Foggia anche con i tributi di emanazione comunale. Il maxi aumento della Tarsu, che fa impennare la tassa sui Rifiuti Solidi Urbani di ben il trentacinque per cento, dipende sicuramente anche da cause esterne: il tributo non era aggiornato da nove anni, i famigerati tagli lineari di Tremonti stanno costringendo buona parte dei municipi ad inasprimenti vari, la legge prevede che la Tarsu copra la totalità delle spese del servizio di raccolta e così via.

L’effetto paradosso è che questo rincaro arriva mentre le strade di Foggia sono sporche come non mai, e i cumuli di immondizia abbandonati per strada come fossimo a Napoli o a Palermo fanno sorgere più di un allarme dal punto di vista igienico-sanitario, per tacere del paesaggio desolato e maleodorante che offrono ai cittadini. È troppo chiedere che ai salati esborsi dei cittadini corrisponda un livello minimo di decenza del servizio offerto?".

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento