menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Pellegrino avverte i cittadini: "Landella occulta l'aumento della Tari con il gioco delle tre carte"

Il consigliere comunale del Partito Democratico, Alfonso De Pellegrino, mette in guardia i cittadini foggiani e punta l'indice "contro l'ennesimo bluff del centrodestra".

"Anche per il 2019 Landella e i consiglieri di centro destra occultano l’aumento della Tari, con il gioco delle tre carte, distraendo risorse economiche da possibili investimenti del Comune per  un milione centomila euro grazie all’utile prodotto dalla partecipazione in Amiu e alla quota di ammortamento del biostabilizzatore, e lo  riversa in tariffa per evitare l’aumento della TARI, ma non dice che quelle risorse saranno, comunque sottratte ad altri servizi". Il consigliere comunale del Partito Democratico, Alfonso De Pellegrino, mette in guardia i cittadini foggiani e punta l'indice "contro l'ennesimo bluff del centrodestra".

 "Nel 2017 - aggiunge De Pellegrino -  sono stati distratti da potenziali investimenti due milioni di euro che si vanno a sommare al milione e mezzo del 2018, e per il terzo anno consecutivo Landella e la sua  maggioranza di centrodestra hanno votato una delibera di dubbia legittimità, che espone chi l’ha votato al giudizio della Corte dei Conti perché in contrasto con l’art.32 del regolamneto IUC pur di non assumersi la responsabilità del fallimento politico e gestionale in materia di rifiuti.

Negli  annunci dicono che è tutto ok ma le carte non mentono e descrivono una realtà diversa. AMIU di fatto è diventata la gallina dalle uova d’oro da poter utilizzare per occultare le proprie  inefficienze amministrative. Per di più la maggioranza ha approvato il nuovo piano economico finanziario di AMIU senza un contratto di servizio definitivo per lo smaltimento dei rifiuti, anzi l’ultima proroga, siamo ad oltre venticinque in quasi 5 anni, scadrà il 31 marzo 2019, nonostante una mozione approvata in consiglio comunale il 31 marzo dello scorso anno impegnava Sindaco e Giunta a sottoscrivere il contratto definitivo entro 31 luglio 2018.

Insomma, Landella incassa l’utile di esercizio di Amiu con la mano destra ed evita di firmare il contratto definitivo con la sinistra. Per Landella ciò che è provvisorio diventa magicamente definitivo.  Va benissimo - conclude -  ma bisogna dire la verità e cioè che le risorse utilizzate per non aumentare la TARI sono state sottratte ad altri settori come viabilità, illuminazione, trasporti e servizi sociali.  I cittadini queste cose le devono sapere".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento