rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Politica

Tares, Miranda: "Aumento sarà una mazzata per le famiglie e le attività economiche”

Il consigliere comunale denuncia "gli aumenti sono dovuti in parte alla mancata attivazione della raccolta differenziata”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

"Le inadempienze ed i ritardi politico-amministrativi del Comune di Foggia si riverberano ancora una volta sui cittadini foggiani". È il commento del consigliere comunale Luigi Miranda in merito "all'aumento della tassa sui rifiuti", che colpirà sia le famiglie che le attività economiche. "L'aumento della Tares pari al 18% - spiega Miranda - è dovuto anche alla mancata attivazione della raccolta differenziata, che determinerà una eco tassa salatissima! Raccolta differenziata che, come si evince tra l'altro dal Regolamento istitutivo del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi, dovrebbe essere assolutamente presente e che darebbe degli sgravi notevoli per chi la pratica.

Oltretutto questa amministrazione avrebbe potuto quanto meno riattivare le isole ecologiche, che oggi restano abbandonate al loro destino, e che avrebbero potuto almeno in parte supplire all'assenza di una vera e propria raccolta differenziata dei rifiuti. Per le famiglie numerose sono previsti ancora ulteriori rincari, mentre per le attività economiche, già in difficoltà a causa della crisi economica, si profila una vera e propria stangata, visto che la tassa sui rifiuti sarà addirittura raddoppiata, con possibili ripercussioni sugli artigiani ed i piccoli imprenditori e, di conseguenza, sull'occupazione".

La manovra varata dall'Amministrazione comunale si va a sommare all'aumento del 30% del 2011, "per un servizio di raccolta e smaltimento di rifiuti che spesso ha avuto molte difficoltà, e che per alcuni giorni è stato addirittura interrotto - ricorda Luigi Miranda - come nel dicembre 2012, quando le famiglie foggiane hanno dovuto trascorrere le festività natalizie con i cumuli di rifiuti sparsi in strada. Attendiamo che il Comune di Foggia, di concerto con AMIU, possa avviare il servizio di raccolta differenziata, visto che i 100 ex lavoratori della Daunia Ambiente furono assunti proprio con questo fine, anche se ci auguriamo che i risultati possano essere più soddisfacenti rispetto a quelli fatti registrare nel capoluogo pugliese dalla stessa azienda che oggi opera nella nostra città.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tares, Miranda: "Aumento sarà una mazzata per le famiglie e le attività economiche”

FoggiaToday è in caricamento