menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
D'Anzeris e Riccardi (Immagine di copertina profilo FB di D'Anzeris)

D'Anzeris e Riccardi (Immagine di copertina profilo FB di D'Anzeris)

Manfredonia, il nipote del sindaco assunto nello staff: “E’ una persona di fiducia”

Manfredonia Nuova interroga il sindaco sull’opportunità di assumere Paolo D’Anzeris, uno dei tre collaboratori dello staff di Angelo Riccardi: “L’art. 90 non ce lo vieta”

Manfredonia Nuova fa le pulci a Riccardi e chiede spiegazioni sui motivi che hanno portato al potenziamento dell’ufficio dello staff del sindaco con l’assunzione di Paolo D’Anzeris, nipote del primo cittadino. “Se era necessario perché non sono stati utilizzati impiegati comunali già alle dipendenze del Comune, ricchi di esperienze professionali e di sicura garanzia, risparmiando così denaro pubblico?”

Aggiunge il gruppo dell’ex candidato sindaco Italo Magno. “In virtù dei 18 milioni di euro di deficit coperti con un mutuo trentennale, si dovrebbe risparmiare in consulenze esterne, affitti inutili, presidenze, vicepresidenze e consigli d’amministrazione delle partecipate, nonché contributi concessi a pioggia e senza valutazioni meritocratiche per attività sportive, ludico-ricreative ed altre attività pseudo culturali”.

Contattato da FoggiaToday, Angelo Riccardi ritiene invece che il comunicato di Manfredonia Nuova riporti una serie di bugie. “Perché non dicono che abbiamo portato i fitti passivi da 700mila euro a 30mila euro”. E ancora: “Magno si è chiesto quanto spendo in termini di rappresentanza e di rimborsi? Ha fatto un paragone con quanto si spende in altri comuni?”

Sull’assunzione a tempo determinato del nipote del primo cittadino, nella determina a firma del vicesindaco si legge “della effettiva disponibilità dei fondi occorrenti” e si sottolinea  “il possesso dei requisiti di accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e di comprovati requisiti culturali e professionali adeguati alle mansioni da svolgere” da parte del neo collaboratore. “Sull’opportunità si può anche discutere, ma l’art. 90 non ce lo vieta” (lo prevede l’articolo 90 del titolo IV ‘Organizzazione e personale’ del TUEL), precisa Angelo Riccardi, che ha inoltre sottolineato l’importanza di avere all’interno del suo staff persone di sua stretta fiducia. In questo caso D’Anzeris sarà il suo autista ma svolgerà anche altre mansioni, così come precisato dal sindaco.

Il movimento cittadino di Piazza Duomo conclude: "Non potrebbero queste risorse essere utilizzate per salvaguardare l’erogazione dei servizi sociali agli anziani ed a chi ne ha più bisogno, o destinate agli studenti delle nostre scuole primarie e secondarie? 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento