rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Politica

Arresti a Foggia, il commissario dei Fratelli d'Italia: "Governare la cosa pubblica è missione per il bene pubblico"

Il commento di Galeazzo Bignami nel giorno degli arresti a Palazzo di Città del sindaco Franco Landella, dei consiglieri comunali e di un imprenditore

"Chi accetta incarichi da Landella è fuori dai Fratelli d'Italia". Era stato perentorio il 13 aprile scorso il neo commissario dei Fratelli d'Italia Galeazzo Bignami, mandato da Meloni in Capitanata per ricostruire il partito e ridargli credibilità dopo l'arresto di Bruno Longo e le intercettazioni sulla videosorveglianza di Iadarola (sospesa dal partito). 

Era stata sospesa dal partito anche la consigliera comunale Erminia Roberto.

Oggi Bignami commenta così gli arresti del sindaco espressione della Lega Franco Landella e dei consiglieri comunali Capotosto e Iacovangelo.

"Fratelli d’Italia esprime vicinanza e gratitudine alle istituzioni impegnate a garantire la piena tutela del principio di legalità e del rispetto della legge a Foggia.

Governare la cosa pubblica è una missione a cui ci si deve dedicare con abnegazione e dedizione, ispirandosi esclusivamente al conseguimento del bene pubblico.

Chiunque pensi di poter piegare il proprio incarico a scopi diversi non solo non avrà mai il sostegno di Fratelli d’Italia, ma Fratelli d’Italia contrasterà in ogni modo condotte di questo tipo come dimostrato con le scelte compiute in queste settimane.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arresti a Foggia, il commissario dei Fratelli d'Italia: "Governare la cosa pubblica è missione per il bene pubblico"

FoggiaToday è in caricamento