menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Migrante morto nell'incendio sulla 'pista', Arci Foggia: "Cosa è stato fatto? Ad ora solo morti e porti chiusi"

Domenico Rizzi, presidente provinciale ARCI - Foggia: "Facciamo appello alle più alte cariche dello Stato e del Vaticano affinché i rispettivi interventi producano una inversione di rotta per ridare dignità all’essere umano"

"Per l’ennesima volta, chiediamo che questi luoghi a pochi km dalle nostre case - dove non vigono né diritti né legge - siano superati da un programma di accoglienza che rispetti la Costituzione e i principi di umanità in cui ci riconosciamo tutti".

Così, Domenico Rizzi, presidente provinciale ARCI - Foggia, all'indomani della notizia della morte di un migrante, presumibilmente gambiano, deceduto la scorsa notte nel ghetto della 'pista', a Borgo Mezzanone, a seguito di un incendio che ha distrutto la baracca nella quale aveva trovato sistemazione.

"Finora questo nostro grido, questa nostra richiesta di aiuto, è rimasta inascoltata. Se si escludono riunioni e tavoli istituzionali, al momento i fatti stanno a zero. Prendiamo atto dell’ennesima propaganda del governo. Quando, invece, ci sembra doveroso ricordare e sottolineare che questo esecutivo è già in carica da un anno. E le azioni che sta producendo sono porti chiusi e morti. A questo punto facciamo appello alle più alte cariche dello Stato e del Vaticano affinché i rispettivi interventi producano una ineluttabile inversione di rotta con l’unica speranza di ridare dignità all’essere umano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento