Scosse ad Apricena, l'assessore Augelli si dimette. Pd all'attacco: "State mentendo ai cittadini, Potenza dimettiti"

"Democraticamente Apricena" torna sull'inchiesta 'Madrepietra' dopo le precisazioni ieri della Procura di Foggia, che ha parlato di "quadro indiziario rafforzato"

"È notizia di questi giorni che l’assessore Augelli ha rassegnato le proprie dimissioni. Ci fa piacere che, per il suo bene, abbia ascoltato il nostro consiglio così potrà difendersi da uomo libero. Ci fa piacere soprattutto per la nostra Città, che non merita di essere declassata per i comportamenti di chi oggi la amministra. Era l'ennesima occasione per dire la verità agli Apricenesi ma, ancora una volta, avete preferito mentire. Tanto da dover scomodare la Procura della Repubblica, che si è vista costretta a emanare una nota per fare chiarezza sulla vicenda". Così la lista dem "Democraticamente Apricena" sulle precisazioni del procuratore Vaccaro in merito all'inchiesta 'Madrepietra' che vede coinvolti pezzi dell'amministrazione Potenza e un imprenditore in particolare. Ieri la Procura è intervenuta per 'riordinare' le parole, evidentemente in libertà, delle ultime settimane, evidenziando un "quadro indiziario rafforzato".

"Avete urlato a gran voce che non esistono indizi di colpevolezza e che sono stati annullati i reati - continuano i dem-.  Allora perché invece la Procura parla di un quadro indiziario rafforzato? Perché stiamo ascoltando due versioni diverse? Ve lo diciamo noi il perché: perché il sindaco è indagato, perché l'ex assessore Augelli è indagato, perché Matteo Bianchi è indagato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non è compito nostro entrare nel merito delle vicende giudiziarie, ma ci tocca ancora una volta mettere in evidenza come state tradendo la fiducia degli apricenesi, continuando a raccontare la “vostra” falsa verità. Voi che vi ergete da sempre a paladini della trasparenza, ma ormai di trasparente vi è rimasto ben poco. Perché non dite alla città quanti e quali sono i consiglieri attualmente indagati nelle varie inchieste? Noi crediamo che Apricena meriti di più, crediamo che gli Apricenesi meritino rispetto, che Apricena meriti di sapere la verità. Visto che non siete capaci o non volete, diamo un consiglio al nostro caro Antonio (il sindaco Potenza, ndr): segui l'esempio del tuo assessore Ivan, dimettiti e liberaci dall'imbarazzo di ascoltare un sindaco indagato cianciare di legalità" conclude la nota.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento