Approvazione bilancio, D’Emilio: “Maggioranza ha fatto orecchie da mercante”

“La nostra opposizione costruttiva del tutto inutile al cospetto di Mongelli e il suo muro di gomma”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Nonostante abbiamo condotto un’opposizione convinta, tenace ma sempre costruttiva e prodiga di proposte di emendamento, il sindaco Mongelli e la sua maggioranza hanno fatto orecchie da mercante, dimostrando per l’ennesima volta lassismo e indifferenza nei confronti delle legittime proteste della cittadinanza di cui ci siamo fatti portavoce in aula”.

Con queste parole il capogruppo consiliare Pdl Francesco D’Emilio esprime disappunto in merito all’approvazione del bilancio di previsione, puntando il dito soprattutto contro l’aumento della Tarsu. francesco-d-emilio_8_original

In questo periodo abbiamo ripetutamente evidenziato l’illegittimità del provvedimento, sia perché a tale rincaro non corrisponde alcuna miglioria nell’erogazione del servizio, sia per la spropositata incidenza sulle tasche dei cittadini, stanchi di dover pagare le colpe di 7 anni di malgoverno di centrosinistra. Per questo, in nove ore di dibattimento, abbiamo fatto il possibile per indurre il primo cittadino e la sua maggioranza a fare un passo indietro, apponendo i nostri correttivi alla manovra, ma ci siamo scontrati contro il solito muro di gomma, come purtroppo è sempre accaduto in questi oltre due anni di amministrazione mongelliana.

A nulla sono valse le nostre incontrovertibili argomentazioni sia sul piano tecnico-procedurale che su quello meramente contenutistico: l’aumento Tarsu è infatti iniquo perché la presentazione dei documenti agli uffici comunali è avvenuta con ritardo, sia perché prevede la retroattività dell’aumento quando invece la legge contempla la possibilità dell’approvazione dell’aumento della tariffa solamente dall’anno successivo rispetto a quello di deliberazione della Giunta, cioè dal 2012.

Per non parlare dell’entità dell’aumento, cioè il 35% che significa oltre cento euro di aggravio a famiglia. Per questi motivi, cercando vanamente un accoglimento sinergico delle nostre istanze, in consiglio abbiamo chiesto a Mongelli di abbassare la soglia percentuale dell’aumento al 10%. Ma non c’è stato nulla da fare. La maggioranza consiliare si è compattata attorno alla figura del sindaco, rendendosi di fatto complice dell’ennesimo pesantissimo atto compiuto in barba al sentimento collettivo della comunità cittadina, bistrattata da un’amministrazione, quella di Mongelli, efficientissima solo nel collezionare stangate, debiti, tasse e disservizi. Il tutto sulle spalle dei foggiani"

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento