Politica

Apricena, coalizione e 'Popolo della Legalità' a Potenza: “Sei il nostro candidato sindaco”

L’ex primo cittadino ha accettato, ma con riserva. Presso la Casa Matteo Salvatore ha spiegato di essersi presentato, spontaneamente, dal magistrato, insieme al suo legale, rispondendo a tutte le domande del pm

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di FoggiaToday

Una gremita Casa Matteo Salvatore ha abbracciato il nostro sindaco Antonio Potenza, protagonista, con l’avvocato Franco Metta, della serata dal titolo ‘La forza della Legalità’. Una manifestazione fortemente voluta dall’ex primo cittadino per mettere a tacere da subito le illazioni e speculazioni di quella minimale parte del centrosinistra, pronta a speculare su ogni minima non-notizia pur di raccattare il consenso ormai perduto.

La serata è stata aperta dall’Assessore Giuseppe Solimando: “Tutti noi siamo consapevoli delle tue qualità, caro Antonio. Vogliono farci credere, con la calunnia, che rappresenti ogni male di questa Città. Ma siamo sicuri del contrario. E tutta questa gente presente ne è la conferma. La politica è diventata una cosa sporca. Ma se la lasciamo nelle mani di chi l’ha sporcata, sarà sempre più sporca”.

Potenza, carte alla mano, ha chiarito punto per punto la sua situazione, ritenendo necessario e fondamentale parlare al popolo di Apricena. Che, commosso e con trasporto, ha seguito e applaudito alle sue parole. Il nostro sindaco ha spiegato di essersi già presentato, spontaneamente, dal magistrato, insieme al suo legale, rispondendo a tutte le domande del pm. Stesse cose, documentate, che ha presentato alla platea di Casa Matteo Salvatore. “E’ incredibile cosa sia disposta a fare questa gente pur di cercare di recuperare un consenso ormai smarrito nella gente. Pseudo-personaggi con alle spalle condannati definitivi per mafia, indagati per concussione e affaristi, appaltatori di milioni di euro di soldi pubblici. Non a caso la parte sana del centrosinistra apricenese li ha già scaricati a dicembre, non partecipando a primarie farsa e definendo Lacci e soci “gente pericolosa””, ha detto.

“A loro, in particolare a Progetto per Apricena, lancio un appello: ormai è chiaro che la partita elettorale si gioca tra le nostre due forze politiche. Sediamoci ad un tavolo, non per parlare di accordi elettorali. Non vogliamo trattarvi come ha fatto il Pd, che vi ha chiesto solo i voti. Ma siamo convinti che possiamo trovare convergenze su temi quali la legalità, lo sviluppo, l’ambiente, la trasparenza amministrativa. E parlarne alla luce del sole. Cosicché chiunque, tra noi e voi, vinca la prossima tornata elettorale, possa, dal giorno dopo, collaborare fattivamente. Anche da forza di opposizione”. 

La serata è stata l’occasione per parlare di temi importanti, quali la legalità e la trasparenza. Qualità che, da sempre, fanno parte della storia delle persone che compongono la lista civica “Uniti per Cambiare”. A margine dell’iniziativa, inoltre, il coordinamento della coalizione (FI, NCD, IDV, SOCIALISMO DAUNO, MOVIMENTO IDEA SOCIALE) attraverso un video, ha chiesto, a gran voce, che a guidare la stessa, alle prossime amministrative, sia Antonio Potenza.

“Vi ringrazio – ha risposto commosso Potenza – ma accetto con riserva. Perché voglio che la mia eventuale candidatura non arrivi come una imposizione dall’alto. Ma passi attraverso un processo di legittimazione popolare, che potrebbe concretizzarsi, magari, con una raccolta firme”.

Sul palco è intervenuto anche l’avvocato Franco Metta, un principe del foro pugliese, legale di Potenza. “Stasera parlo da amico di Antonio – ha affermato –  per testimoniare il comportamento di un uomo che, davanti ad una perquisizione, ha fatto l’unica cosa che una persona onesta, parte delle istituzioni, avrebbe dovuto fare: mettersi a completa disposizione della magistratura”. “Da amico sono stato io a consigliargli di incontrarvi, questa sera. E la vostra massiccia presenza è una grande testimonianza di vicinanza. Perché non è semplice reagire a certi attacchi perpetrati da chi, in questa città, imputa ad Antonio un’unica colpa: aver fatto capire a certa gente che è arrivata all’ultimo giro di giostra. Grazie al vostro supporto sono sicuro che andrà avanti. Apricenesi, non fatevi rubare il sogno del vero cambiamento”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Apricena, coalizione e 'Popolo della Legalità' a Potenza: “Sei il nostro candidato sindaco”

FoggiaToday è in caricamento